QUESTI FANTASMI!

inizio spettacoli ore 20.45 – domenica ore 16.30

dal 22 al 25 marzo 2018 – Teatro delle Muse

di Eduardo De Filippo

con (in ordine di apparizione) Gianfelice Imparato, Carolina Rosi, Massimo Di Matteo, Paola Fulciniti, Federica Altamura, Andrea Cioffi, Nicola Di Pinto, Viola Forestiero, Giovanni Allocca, Gianni Cannavacciuolo, Carmen Annibale

regia Marco Tullio Giordana

scene e luci Gianni Carluccio

costumi Francesca Livia Sartori

musiche Andrea Farri

Elledieffe La Compagnia di Teatro di Luca De Filippo

I SOGNI INGENUI E LA DISINVOLTURA MORALE DELLA NAPOLI DI EDUARDO

A circa un anno dalla prematura scomparsa di Luca De Filippo, la Elledieffe, la compagnia teatrale che porta il nome del grande attore e regista, oggi diretta da Carolina Rosi, mette in scena il capolavoro eduardiano Questi fantasmi!, con la regia di Marco Tullio a settant’anni dalla sua prima rappresentazione (avvenuta il 7 gennaio 1946 al Teatro Eliseo di Roma), in un’edizione affidata a uno dei più rigorosi e autorevoli registi italiani,  Marco Tullio Giordana.
Questi fantasmi!, una delle prime commedie di Eduardo ad essere rappresentata all’estero (nel 1955 a Parigi, al Théâtre de la Ville – Sarah Bernhardt), ha raccolto unanimi consensi in tutte le sue diverse edizioni: un successo assoluto ascrivibile allo straordinario meccanismo di un testo che, nel perfetto equilibrio tra comico e tragico, propone  uno dei temi centrali della drammaturgia eduardiana: quello della vita messa fra parentesi, sostituita da un’immagine, da un travestimento, da una maschera imposta agli uomini dalle circostanze.
Una storia a tratti farsesca, che racconta la necessità di essere ciechi, di credere senza riserve a una realtà inverosimile, per tutelare sé stessi e un ideale di famiglia minato al suo interno.
Eduardo si ispirò probabilmente per la sua realizzazione a un episodio di cui fu protagonista suo padre, Eduardo Scarpetta. Racconta infatti quest’ultimo che la sua famiglia, in ristrettezze economiche, fu costretta a lasciare la propria abitazione da un giorno all’altro. Il padre riuscì a trovare in poco tempo una nuova sistemazione, all’apparenza eccezionale, in rapporto all’affitto ridottissimo da pagare. Dopo alcuni giorni si chiarì il mistero: la casa era frequentata da un’impertinente “monaciello”…

LA VEDOVA SCALTRA

inizio spettacoli ore 20.45 – domenica ore 16.30

dal 5 all’ 8 aprile 2018 – Teatro delle Muse

una commedia di Carlo Goldoni

con Gianluca Guidi e Francesca Inaudi

con Fabio Ferrari nel ruolo di Don Alvaro de Castiglia

e con Claudia Ferri, Riccardo Bocci, Alessandra Cosimato, Matteo Guma

Andrea Coppone nel ruolo di Arlecchino
con Massimiliano Giovanetti nel ruolo di Pantalone de Bisognosi
e con Renato Cortesi nel ruolo de Il Dottore

scene di Carlo De Marino
costumi Francesca Brunori
musiche originali Massimiliano Gagliardi
maestro d’armi Max Cutrera
disegno luci Stefano Lattavo
direzione tecnica Stefano Orsini
produzione esecutiva Mariano Anagni

regia di Gianluca Guidi

Un progetto artistico di Gianluca Ramazzotti
Mind Entertainment – Ginevra Media Prod srl

UNA DELLE PIÙ DIVERTENTI E RAFFINATE COMMEDIE GOLDONIANE

Quando ero bambino, con gli amici, ci raccontavamo sempre delle storielle che cominciavano così: “… ci sono un francese un inglese, uno spagnolo e un italiano…” , e così sembra cominciare la nostra commedia, in una locanda della città più meravigliosa, affascinante e del mondo: Venezia. Quattro pretendenti di nazionalità diversa ma tutti figli della futura Europa Unita. Tutti affascinati dalla bella vedova de’ Bisognosi. Tutti ricchi, benestanti discendenti da famiglie blasonate, tutti campanilistie affascinati dalla bella e forse “inarrivabile” Rosaura. La vedova… Scaltra! Mi piace Rosaura Lombardi vedova de’ Bisognosi. E’ una donna moderna, dalla natura “antica”.
Una figura che presenta quella sensibilità e quell’intuizione appartenenti all’universo femminile. Sa ribellarsi al padre e si oppone alle nozze della sorella con un uomo molto più anziano (lei ne aveva sposato uno del quale è rimasta vedova) e, ora che può, sospesa e in bilico per prendere la decisione giusta, ponte tra la commedia “vecchia” e il mondo nuovo, per sé “sceglie di scegliere” il suo uomo. Nella migliore tradizione della vita vissuta. La meta/menzogna che adopera per sceglierlo è rappresentativa di un estro che appartiene ad esseri superiori quali sono, in realtà , le donne.
Ella è pilota del proprio destino, opera e decide non tanto lasciandosi guidare dai sentimenti, quanto piuttosto seguendo criteri razionali.
Per seguire il suo scopo, mette a nudo le debolezze del genere maschile, fino a metterle quasi in ridicolo. Ella compie una rivoluzione femminista “ante-litteram” che, se ne avesse mantenute le connotazioni, avrebbe fatto vincere a tutto campo quel desiderio legittimo di emancipazione che ha caratterizzato, alla fine del ‘900, l’universo femminile.
Complici la “sua” Venezia, il Carnevale, e, di nuovo, la sua “modernità”, Rosaura nasconde il suo volto dietro ad una maschera non soltanto quando realmente indossata; ella la usa a guisa di condottiero per vincere (forse inconsapevolmente) una “guerra” di cui lei stessa non conosce i confini se non quelli personali.
Per certi versi mi verrebbe voglia di chiamarla “Braveheart”.
Una William Wallace della Serenissima.
Goldoni evita di raccontarci (in un’altra commedia) ciò che la vita ha riservato a lei e al Conte di Bosconero durante la loro storia o unione.
E forse è meglio così. Lasciamo che i nostri eroi incontrino una “normalità” che è assolutamente privata.
Tutto il resto è in divenire…
Gianluca Guidi

your future festival 2017

www.urbanexperience.it/maam/

13 apr. 2017 | Inteatro vince il progetto della SIAE “S’illumina” e lancia il bando ISA

INTEATRO
VINCE IL PROGETTO
DELLA SIAE “S’ILLUMINA”

E LANCIA UN BANDO PER GIOVANI ARTISTI
ISA_INTEATRO SUMMER ACADEMY 2017

Dieci saranno i performer selezionati
Le domande dovranno pervenire entro il 27 aprile 2017

Il programma di perfezionamento artistico residenziale
si terrà dal 13 maggio al 12 luglio 2017 a Villa Nappi/Polverigi

Gli artisti che terranno i workshop nell’ambito del progetto sono:
Geraldine Pilgrim, Oscar Gomez Mata, Sonia Gòmez,
Francesca Pennini/Collettivo Cinetico, Tanya Beyeler e Pablo Gisbert/El Conde de Torrefiel

ISA Inteatro Summer Academy è un progetto ideato e realizzato dall’Associazione Inteatro di Polverigi, nell’ambito del progetto “S’Illumina – Copia privata per i giovani, per la cultura” della SIAE, per permettere occasioni di incontro e lavoro tra giovani performer e artisti affermati sulla scena internazionale, al fine di promuovere e sostenere la creazione contemporanea.

L’Associazione Inteatro fa parte di Marche Teatro scarl, il Consorzio creato nel 2014, diretto da Velia Papa, riconosciuto Teatro di Rilevante Interesse Culturale dal Ministero dei Beni e le Attività Culturali e il Turismo.

ISA prende in mano l’eredità di IFA Inteatro Festival Academy nato nel 2006 col l’intento di promuovere occasioni di confronto internazionale tra giovani danzatori/performers ed artisti riconosciuti.

Con la vincita del progetto S’Illumina della SIAE, Inteatro può rafforzare l’attività, che l’ha sempre contraddistinto, nell’ambito della formazione e della ricerca.

Sono ammessi a partecipare al programma un massimo di 10 artisti / performer di età compresa tra i 18 e i 35 anni, residenti in Italia. Per partecipare è indispensabile la conoscenza della lingua inglese. La selezione è prioritariamente rivolta a danzatori, autori e performer con esperienze di danza, teatro fisico, circo.

La partecipazione ad ISA_Inteatro Summer Academy è completamente gratuita.

Le candidature dovranno pervenire entro le ore 23.59 di giovedì 27 aprile 2017 esclusivamente via email all’indirizzo isa@inteatro.it

ISA Inteatro Summer Academy è un programma di perfezionamento artistico a carattere residenziale che si propone come piattaforma d’incontro tra dieci artisti italiani under 35 e alcuni artisti affermati (Geraldine Pilgrim – UK; Oscar Gómez Mata – CH ; Sonia Gómez  – ES; Francesca Pennini / Collettivo Cinetico – I; Tanya Beyeler e Pablo Gisbert/ El Conde de Torrefiel – ES), protagonisti della scena performativa contemporanea internazionale, a cui è affidata la conduzione di altrettanti workshop (per la durata complessiva di 300 ore di formazione) finalizzati allo sviluppo e rafforzamento delle competenze artistiche dei partecipanti. L’obiettivo è favorire il perfezionamento professionale in ambito artistico.

L’esito delle selezioni verrà comunicato ai partecipanti per email entro martedì 2 maggio.

Gli workshop saranno in lingua inglese e si svolgeranno presso Villa Nappi a Polverigi (AN), sede di Inteatro dal 13 maggio al 12 luglio 2017.

INFO: Benedetta Morico tel. +39 071.20784222 – email: isa@inteatro.it sito web: www.inteatro.it 

GLI ARTISTI INVITATI

Geraldine Pilgrim, direttore artistico della compagnia di teatro visuale Hesitate and Demonstrate, attualmente a capo di Corridor, compagnia fondata nel 2000 per creare eventi site specific, spesso collaborando con giovani, anziani, gruppi e comunità artistiche del territorio.
Il particolare lavoro on site di Geraldine Pilgrim si specializza, infatti, in progetti e produzioni teatrali site specific di grandi dimensioni e installazioni performative in edifici inusuali, nei quali l’architettura del luogo viene utilizzata come racconto, rivelando, gradualmente, memorie, atmosfere e sottili essenze acquisite nel corso degli anni, integrandole con il presente e immaginandone il futuro.
Insegna al Wimbledon College of Art, al LAMDA, Mountview, Goldsmiths College e al Central Saint Martins College of Art and design di Londra.
www.geraldinepilgrim.com

Oscar Gómez Mata, regista e attore, ma anche autore e scenografo, inizia la sua carriera teatrale in Spagna dove, nel 1987, è co-fondatore della Compagnia Legaleón-T, con la quale crea numerosi spettacoli fino al 1996. In residenza artistica al Théâtre Saint-Gervais di Ginevra dal 1999 al 2005, e alle Subsistances di Lione nel 2006, firma con la sua Compagnia L’Alakran le regie di una dozzina di spettacoli che vengono presentati con successo in Francia, Spagna, Italia, Portogallo e America Latina. Oscar Gómez Mata lavora anche come formatore e pedagogo presso la scuola di teatro Serge Martin (Ginevra), la Manufacture (Losanna), nell’ambito dei Chantiers nomades (struttura di formazione continua per professionisti dello spettacolo), per il Master in Pratica scenica e Cultura visuale organizzato dall’Università di Alcalá (Madrid) e per gli incontri professionali di danza di Ginevra.
www.alakran.ch/a-propos/oscar-gomez-mata

Sonia Gómez è danzatrice, performer e coreografa, formata presso l’Institut del Teatre di Barcellona e P.A.R.T.S. a Bruxelles. La sua attività di formazione prende come punto di partenza un suo solo, Ballerina, ed è incentrata sulle possibilità di trasmissione/creazione del lavoro, attraverso un’azione di codifica delle istruzioni in movimenti astratti, utilizzando la propria esperienza.
soniagomez.com/dancers/

Francesca Pennini è coreografa, performer e direttore artistico di CollettivO CineticO, nato nel 2007 e diretto da Francesca in collaborazione con oltre 50 artisti provenienti da discipline diverse. La ricerca del collettivo indaga la natura dell’evento performativo e ne discute i meccanismi con formati al contempo ludici e rigorosi che ibridano coreografia, teatro e arti visive. CollettivO CineticO è compagnia residente stabile presso il Teatro Comunale di Ferrara e all’oggi ha prodotto 37 creazioni ricevendo numerosi premi tra cui: Jurislav Korenić Award Best Young Theatre Director; Premio Rete Critica 2014 come miglior artista 2014; Premio Danza & Danza 2015 a Francesca Pennini come miglior coreografa e interprete, nomination premi UBU miglior performer under 35; Premio Hystrio Iceberg 2016; Premio MESS al BE Festival di Birmingham 2016; Premio Nazionale dei Critici di Teatro per il Teatro Danza 2016.
www.collettivocinetico.it

Tanya Beyeler e Pablo Gisbert sono i registi e autori della compagnia catalana El Conde de Torrefiel, il cui lavoro ricerca un’estetica visiva e testuale che mescola teatro, coreografia, letteratura e arti plastiche. Gli spettacoli de El Conde si basano su un’analisi sincronica dell’attualità oscillando tra la relazione tra l’intimo e la politica o le nuove forme di totalitarismo, l’alienazione intellettuale e le nozioni di responsabilità e di libertà individuale.
www.elcondedetorrefiel.com

ISA Inteatro Summer Academy è realizzato nell’ambito del progetto “Sillumina – Copia privata per i giovani, per la cultura” della SIAE.