Tales of freeDoom

concept, coreografie, scenografia ed interpretazione Ludovico Paladini
disegno luci Franco Mastropasqua

produzione Marche Teatro
ringraziamenti Margot Le Coultre, Riccardo Saraceni, ai miei familiari, all’equipe di Marche Teatro, alla Manufacture e tutte le persone che mi influenzano direttamente ed indirettamente

Entra nel caleidoscopio di immagini e suoni che mutano e si alternano in uno zapping costante.
Cedi al fascino degli opposti, ascolta il suono del vento tra le foglie, di una lamiera sotto la pioggia battente, le campane nei prati, il ronzio di una radio lontana.
Il decadimento di questo mondo è ancora capace di mostrare il fascino della ruggine, il profumo della muffa, il canto degli invisibili…
ma è il tramonto o l’alba che vedo oltre l’orizzonte?
Una performance di Danza che esplora le possibilità di movimento attraverso materiali di recupero.
Una ricerca ingenuamente intuitiva.
Un corpo autonomo, un pensiero selvaggio.

Ludovico Paladini comincia il suo percorso nella Danza a 11 anni nella scuola di danza Mi La Danse di Monia Mattioli a Serra de Conti (AN), seguendo corsi di Hip Hop, all’inizio, e Danza Classica e Contemporanea in seguito.
Dopo vari workshop di danza Contemporanea in Italia ed Europa, nel 2017 entra all’Haute école des arts de la scène – Manufacture a Lausanne, Svizzera, dove per 3 anni si forma con Artist*, performer e Coreograf* di fama internazionale (Thomas Hauert, Mathilde Monnier, David Zambrano, Kirstie Simson, Jonathan Burrows, Alix Eynaudi….).
Nell’estate 2019 e 2020 si impegna nel territorio marchigiano creando incontri di improvvisazione e musica live e spettacoli itineranti (Artisti a Monte 2019; Oltramonti 2020).
In Ottobre 2020 lavora con la compagnia Alias a Ginevra come interprete per lo spettacolo “In C”.

debutto 19 dicembre 2020 ANCONA Teatro delle Muse studio

4 e 5 giugno 2021 Polverigi (AN) Teatro della Luna