8 otto. 2020 | Il progetto teatrale 2020 nei comuni del cratere

MARCHE TEATRO – TEATRO DEL CANGURO
IL PROGETTO TEATRALE 2020 NEI COMUNI DEL CRATERE

Marche in Vita
Lo spettacolo dal vivo per la rinascita dal sisma
A PARTIRE DAI PIÚ PICCOLI

Dopo il successo dello scorso anno il Teatro del Canguro propone di nuovo uno spettacolo di Teatro Ragazzi  in otto Comuni che sono stati interessati dal sisma del 2016/17. Si parte il 28 ottobre a Mogliano (MC). Segue a il 4 novembre a Monteleone di Fermo (FM), l’11 novembre a Visso (MC), il 18 novembre a Esanatoglia (MC), e il 16 dicembre a Castignano (AP). La date di Cerreto d’Esi (AN), Arquata del Tronto (AP) e Montappone (FM) sono rinviate al 2021.

Lo spettacolo che sarà rappresentato è “Le storie del bosco”, che ha la caratteristica di poter essere messo in scena in ogni spazio, senza particolari esigenze tecniche, proprio per non escludere nessun Comune, anche quelli che ancora oggi non hanno la possibilità di poter contare su strutture idonee per lo spettacolo dal vivo. Ma, là dove è possibile, alcune rappresentazioni avverranno nei piccoli teatri e negli spazi da sempre utilizzati per le rappresentazioni,  per riaffermare l’abitudine e la consuetudine di “andare a teatro”.

“Le storie del bosco”, utilizza le tecniche del teatro di figura (pupazzi, burattini, sagome),  ma nello specifico  gli animatori delle figure saranno visibili al pubblico con l’intenzione di  riproporre in qualche modo il rapporto tipico che i bambini hanno quando giocano con i loro pupazzi e le loro bambole.  Questa  tecnica esalta ancora di più la caratteristica di gioco del teatro che consente un ulteriore avvicinamento dei più piccoli alle storie e ai racconti.

Lo spettacolo è composto da cinque piccole storie, ciascuna delle quali con situazioni e protagonisti differenti. Si racconta di alcuni animali che tutti conoscono, ma che nello spettacolo presentano caratteristiche diverse, se non addirittura opposte da quelle che ci aspetteremmo: c’è infatti un gufo al quale non piace la notte e il buio, un lupo che ha paura delle bambine, uno scoiattolo e una cavalletta  che si scambiano lettere piene di complimenti ed affettuosità. Ci sono poi altri personaggi che agiscono e parlano in situazioni fantastiche e quasi surreali, ma che non sono poi così lontane dall’immaginazione che i bambini utilizzano nei loro disegni e nelle loro piccole storie.

Al  termine di ogni rappresentazione è possibile rivedere i vari personaggi utilizzati nello spettacolo, rispondere alle curiosità dei piccoli spettatori anche sull’animazione e sulla costruzione dei pupazzi utilizzati.

L’ingresso agli spettacoli è gratuito.