HANSEL & GRETEL. Favola da tavola

22, 23, 24 MARZO 2024
6, 7, 12, 13, 19, 20, 21, 26, 27, 28 APRILE 2023
TEATRINO DEL PIANO, ORE 18 

Testo di Adriana Zamboni e Lucio Diana
con Natascia Zanni
oggetti di scena Nicoletta Briganti
tecnico Lorella Rinaldi
regia di Adriana Zamboni
produzione MARCHE TEATRO / Teatro del Canguro

dai 3 anni

La conoscete la fiaba di Hänsel e Gretel? È una vecchissima storia che hanno trascritto i Fratelli Grimm all’inizio del 1800 e riguarda un periodo in cui in Europa c’era tanta fame…
Qui, oggi, le cose sono un po’ cambiate, ma quando ci viene quel languorino, cosa mangiamo??
Con questo spettacolo proviamo a giocare con il cibo usando la Fantasia.
I bambini vengono accolti davanti ad un tavolo che presto verrà apparecchiato: si tratterà di una colazione? Di una merenda? Cosa nasconderà il classico cestino da pic nic?
Ci sono cose da mangiare, ma c’è anche altro, come il necessario per preparare il tè o il caffè… però, a ben guardare, tutti questi oggetti fan venire voglia di giocare. Una mela non è solo un frutto, ma con un po’ d‘immaginazione, può trasformarsi nel viso di un bambino, così come una caffettiera può diventare una strega dal naso adunco.
La casa della strega nel bosco è piena di dolci squisiti, ma saranno buoni questi cibi di cui si abbuffano i due affamati bambini?
Forse Hänsel, costretto a mangiare in gabbia, si sarà sentito come un pollo all’ingrasso e chissà quanto tempo gli occorrerà per ritornare in forma!
Tra gioco e fiaba i personaggi si creeranno con ciò che c’è sul tavolo e si capirà perché la casa della strega fa venire il mal di pancia.

IL GIOCO DELL’OCA VERDE

DA GIOVEDÌ 13 A DOMENICA 16 OTTOBRE
DA GIOVEDÌ 20 A DOMENICA 23 OTTOBRE
DA GIOVEDÌ 27 A DOMENICA 30 OTTOBRE
DA GIOVEDÌ 3 A DOMENICA 6 NOVEMBRE
DA GIOVEDÌ 10 A DOMENICA 13 NOVEMBRE
TEATRINO DEL PIANO, ore 18

spettacolo per tutti dai 6 anni in su
di Adriana Zamboni e Lucio Diana
con Nicoletta Briganti, Natascia Zanni, Lorella Rinaldi
MARCHE TEATRO – Teatro del Canguro

coinvolgenti prove di abilità
con dadi giganti
per imparare ad amare l’ambiente

Il Teatrino del Piano si trasforma in un enorme tavolo da gioco per ospitare Il gioco dell’oca verde, con macro-tessere e dadi giganti, a cui gli spettatori possono assistere o partecipare attivamente, diventando delle vere e proprie pedine viventi. I partecipanti affrontano coinvolgenti prove di abilità misurando le proprie eco-conoscenze. Lo scopo del gioco è divertirsi acquisendo una coscienza ecologica, sfidandosi su temi quali la salvaguardia dell’ambiente, le logiche del riciclo e del riutilizzo, la raccolta differenziata, l’uso di materiali eco-compatibili e le fonti di energia rinnovabili.

L’appuntamento è in collaborazione con Città del Sole e Colorworks.

Ingresso € 3

Tutti i partecipanti riceveranno in premio una simpatica sorpresa.
Prenotazione obbligatoria, è possibile prenotare anche in gruppo.
INFORMAZIONI E PRENOTAZIONI ALLO 071 82805

QUI TROVI:
– il librettino eco (con le istruzioni qui);
– il dado dell’Oca Verde da costruire;
– il volantino per scriverci perché tu sei un’Oca Verde.

Che aspetti? Vieni a giocare con noi!

NUVOLA

STORIA DI UNA BAMBINA NATA DA UNA NUVOLA

SABATO 3-10-17 dicembre ORE 18
DOMENICA 4-11-18 dicembre 2022 ORE 18
TEATRINO DEL PIANO

con Nicoletta Briganti, Lorella Rinaldi e Natascia Zanni
regia di Lino Terra
MARCHE TEATRO – Teatro del Canguro

teatro d’attore e di figura per bambini dai tre anni

Nuvola è una bambina, una piccola bambina, nata magicamente da una nuvola, una grande nuvola.

Come tutti quelli che nascono da una nuvola anche questa bambina è molto leggera, sembra anche lei fatta di vapore acqueo, e sembra che da un momento all’altro possa salire in cielo fino a raggiungere le altre nuvole. La storia di Nuvola è piena di fuggevoli incontri con altri personaggi, molto spesso altrettanto impalpabili per la loro forma o anche per il loro strampalato carattere. Ne nasce uno spensierato viaggio all’interno d’ un mondo multiforme e colorato, dove tutto sembra ad un tempo semplice e strano. La storia finirà soltanto quando la bambina, dopo la sua divertita scorribanda tra prati, boschi, paesi e città, potrà ricongiungersi alla sua “nuvola madre”. Lassù, insieme, attenderanno il ritorno del sole che spesso fa capolino proprio da dietro una nuvola, il sole che,che nel grigio delle giornate di pioggia, sembrava perduto per sempre.

Ingresso € 5
INFORMAZIONI E PRENOTAZIONI ALLO 071 82805

STORIE – MARTINO IL ROMPISCATOLE

7-13-15-20-21-27-28 GENNAIO ore 18.00_Teatrino del Piano

STORIE
MARTINO, IL ROMPISCATOLE
con Nicoletta Briganti e Natascia Zanni
regia di Lino Terra
teatro di teatro di figura
(dai  3 anni)
Marche Teatro – Teatro del Canguro

Martino aveva da sempre un’idea che mai lo abbandonava. Più che di un’idea si poteva quasi parlare di un’ossessione, d’un pensiero fisso che lo accompagnava in ogni ora del giorno e della notte. Fin da piccolo gli era sempre sembrato di vivere in un mondo che non gli piaceva; insomma pensava che quanto vedeva al di fuori della sua finestra e della porta di casa fosse spesso brutto e ingiusto. Dunque da sempre si era dato un compito, una specie di missione: “io dovrò lasciare questo mondo più bello di come l’ho trovato”. Quand’era piccolo questo suo imperativo si traduceva in piccoli gesti e in semplici comportamenti, ma crescendo tutto era diventato molto più complicato e faticoso. Martino veniva percepito come uno strano personaggio dalle idee strampalate ed anche come un fastidioso rompiscatole. Questa era l’idea che gli altri si erano sempre fatta di lui e che l’avrebbe accompagnato per tutta la sua vita.  Poi un bel giorno il destino lo aveva messo di fronte ad un episodio che lo aveva obbligato ad una coraggiosa scelta. E il rompiscatole Martino aveva dimostrato a tutti di essere anche molto coraggioso.

CENERENTOLA

8 GENNAIO ore 18.00_Teatro Sperimentale

ZACHES TEATRO
CENERENTOLA

Regia, drammaturgia, coreografia Luana Gramegna
Scene, luci, costumi, maschere e pupazzi Francesco Givone
Progetto sonoro e musiche originali Stefano Ciardi
Con Gianluca GabrieleAmalia RuoccoEnrica Zampetti
Collaborazione per scene, maschere e pupazzi Alessia Castellano
Collaborazione alla drammaturgia Daria Menichetti
Realizzazione costumi Rachele Ceccotti
Direzione tecnica Alberto Bartolini – Service Officina Teatro
Project manager Enrica Zampetti

Produzione Zaches Teatro
con il sostegno del MICRegione ToscanaTeatro Fonderia Leopolda di Follonica
Giallo Mare Minimal Teatro
​in collaborazione con
Fondazione Teatro MetastasioFondazione Toscana Spettacolo onlus,
Centro di Produzione della Danza Virgilio Sieni
​residenze artistiche presso
Teatro Fonderia LeopoldaOfficine della CulturaKanterstrasseMurmuris,
KinkaleriTeatro Caos

Spettacolo tout public consigliato dai 5 anni

PREMIO MIGLIORE NOVITA’
Eolo Awards 2022 (Italia)

PREMIO MIGLIORI ATTORI
35th Int. Theatre Festival VALISE – Lomza (Polonia)

GRAND PRIX per MIGLIOR SPETTACOLO
PREMIO MIGLIOR REGIA
PREMIO MIGLIORI ATTORI
29th International Children’s Theatre Festival 2022 Subotica (Serbia)

PREMIO DI PRODUZIONE
Bando Toscana Terra Accogliente 2020 a cura di RAT (Residenze Artistiche Toscane)

Reclusa nel suo mondo interiore, Cenerentola preferisce muoversi sotto la cenere, quasi invisibile, in mezzo alla fuliggine di una vita apparentemente spenta, accettando con pazienza ogni punizione inflitta dalla matrigna e dalle sorellastre.
Ma dentro di lei arde la brace nascosta del desiderio di un’esistenza completamente diversa.
Cenerentola poco a poco acquista sicurezza e coraggio, impara ad affrontare le avversità e non ha più paura di contrastare le sue aguzzine, che via via si trovano sempre più disarmate e inermi. Sarà la forza interiore di Cenerentola a riscattarla.
Utilizzando il teatro d’oggetto, la danza, il movimento espressivo, la musica originale e i linguaggi del teatro di figura, i corpi degli interpreti danno vita ai personaggi della storia in uno spettacolo vorticoso e pieno d’invenzioni, animato di strane presenze tra il buffo e il grottesco, dal forte impatto visivo.
La manipolazione si fa danza e la danza rievoca l’antica presenza del rito iniziatico sotto le ceneri della fiaba.


Zaches Teatro si addentra nell’universo della celebre fiaba di Cenerentola per costruire l’ultimo spettacolo della Trilogia della Fiaba, di cui fanno parte anche Pinocchio e Cappuccetto Rosso.

Tale Trilogia non è solo una serie di tre spettacoli, ma un progetto più ampio e frastagliato attraverso cui la Compagnia dà vita a progetti creativi e formativi paralleli che alimentano gli spettacoli stessi. Il fine è indagare il mondo della fiaba e dei racconti di tradizione orale con l’intento di andare il più possibile lontano nel tempo, alla scoperta di quei particolari che sono stati poco a poco edulcorati, dimenticati o cancellati dalle versioni più recenti. La società moderna ha dimenticato le sue radici e le fiabe rappresentano gli ultimi frammenti di quel mondo dimenticato. Ricostruire le radici significa recuperare la propria identità che si scopre appartenere ad un bacino molto più ampio di quello che siamo soliti pensare, uno spazio vasto oltre i confini degli odierni stati nazionali.

Dalla cenere alla corte, Cenerentola è un eroina dai mille volti e artefice del proprio destino. Divenuta nella nostra cultura un riferimento estremamente popolare, è andata sempre di più costituendo il simbolo del riscatto degli oppressi.
Fiaba diffusissima di cui esistono nel mondo più di trecento varianti Cenerentola rappresenta forse una delle fiabe più antiche della Terra. In questo caleidoscopio di volti della fiaba però appare quasi impossibile riuscire a considerare quale sia “la vera Cenerentola”.

Nella nostra ricerca e ricostruzione su Cenerentola abbiamo deciso di concentrarci sullo studio delle versioni orali più antiche e di due versioni letterarie: quella dei fratelli Grimm e quella de La Gatta Cenerentola di Basile.

La scena, realistica e simbolica insieme, è occupata da un grande focolare pieno di fumo e fuliggine:
uno spazio scarno e cinerino, pieno di carbone, abitato da spiritelli, le Cenerine, attraverso cui viene narrata la storia di Cenerentola.
Ma più che una storia sulla ricerca del principe azzurro, la Cenerentola di Zaches Teatro è una fiaba iniziatica in cui la difficile strada per la maturità passa attraverso il distacco dal passato.

7 IN 1 COLPO

22 GENNAIO ore 18.00_Teatro Sperimentale

IL LABORINCOLO / FONTEMAGGIORE
7 IN 1 COLPO

da un’idea di Marco Lucci e Matthias Traeger
con Marco Lucci
regia Matthias Traeger

Il Laborincolo/Fontemaggiore

Giovanni è un piccolo sarto dai baffi lunghi e dalle gambe corte che saltella per la sua bottega tra le stoffe colorate.
Un giorno mentre stava cucendo la gonna della sig.ra Roberta si era trovato ad affrontare 7 mosche furbette che volevano rubargli la marmellata. E lui le aveva fatte fuori in un sol colpo! Era stato tanto orgoglioso della sua vittoria che se lo era scritto addosso: 7 in 1 colpo.
Ma non aveva scritto: “mosche”!
Ed è così che nascerà l’equivoco che lo porterà davanti a un nemico ben più pericoloso di una mosca: il Gigante dai capelli verdi. Il piccolo sartolino dai lunghi baffi si troverà ad affrontare quell’enorme bestione… Come potrà farcela? Sarà mangiato in un boccone?
Questo lo scopriremo insieme!

Il Laborincolo è un progetto teatrale fondato in Umbria nel 2005 con l’intenzione di approfondire i linguaggi e le forme del teatro di figura, di rivolgersi al pubblico dell’infanzia con storie non infantili, di sperimentare le capacità espressive di questi strumenti teatrali.La voglia di sperimentare ha prodotto spettacoli di burattini, marionette, marionette da tavolo, pupazzi, muppet con storie classiche e moderne. Il Laborincolo ha aperto il sipario in teatri grandi e piccoli, in Italia, Svizzera, Austria, Germania, Ecuador.

JACK E IL FAGIOLO MAGICO

29 GENNAIO ore 18.00_Teatro Sperimentale

LA LUNA NEL LETTO
JACK E IL FAGIOLO MAGICO
UNA STORIA TRA TERRA E CIELO

da un’idea di Maria Pascale
con Maria Pascale
voce registrata Lorenzo Gubello
testi, regia e scene Michelangelo Campanale
assistente alla regia Annarita De Michele
assistente alla scenotecnica e costumi Maria Pascale
registrazioni audio Michelangelo Volpe

COMPAGNIA LA LUNA NEL LETTO / ASSOCIAZIONE CULTURALE TRA IL DIRE E IL FARE

Ve l’hanno mai detto che dei semplici fagioli possono essere magici?
Così magici da farci arrivare in cielo?
Ve lo hanno mai detto che si può correre a più non posso sulle nuvole?
Che non bisogna essere grandi e non c’è neppure bisogno del permesso?
E ve lo hanno mai detto che tra le nuvole si può trovare di tutto, anche un grande castello, e che nel castello…?
Cosa può accadere tra terra e cielo, si potrebbe raccontare per ore!
Una cosa è certa: quando sulla terra le cose si complicano, si può sperare nel cielo e, statene certi, tutto si trasforma in una grande avventura! Parola del piccolo Jack!

Ispirato ad una fiaba della tradizione orale inglese – la prima pubblicazione apparve nel libro The History of Jack and the Bean-Stalk, stampato da Benjamin Tabard nel 1807 – lo spettacolo racconta la storia di un bambino che pur essendo piccolo riesce a trovare il lieto fine alle sue disavventure, guidato dal suo istinto, dalla sua fiducia nella vita e dalla sua intelligenza.

UNA PICCOLA STORIA

10-11-12-17-18-19-25-26 FEBBRAIO
ore 18 Teatrino del Piano

UNA PICCOLA STORIA
con Nicoletta Briganti, Natascia Zanni, Lorella Rinaldi
regia di Lino Terra
teatro d’attore, oggetti e pupazzi
(dai  3 anni)
Marche Teatro – Teatro del Canguro

In realtà questa piccola storia si compone di varie piccole storie, collegate tra loro da un sottile, ma tenace filo conduttore. Tutte le storie sono infatti proposte come fossero sotto una lente d’ingrandimento e questa diversa prospettiva produce effetti insoliti. I piccoli spettatori si ritroveranno a strettissimo contatto con i personaggi, con le azioni e con i diversi racconti. Sarà come trovarsi all’interno delle storie narrate, ognuna delle quali è ambientata in uno spazio diverso: una storia di città, una storia di bosco, una di mare, ed una di casa, anzi di una stanza, come quella dei bambini, piena di giochi e sempre in disordine. Un altro comune denominatore è dato dal rapporto tra “grande” e “piccolo” presente in ciascuna storia, a voler ribadire le differenti proporzioni del mondo osservato con gli occhi del bambino e dell’adulto, nella difficile ricerca d’ un “orizzonte” comune. Come tutte le storie che si rispettano, piccole o grandi che siano, anche queste racconteranno quello che può accadere di bello o di meno bello ai diversi protagonisti, i loro incontri, le loro affascinanti avventure, le loro inevitabili disavventure. Poi alla fine accadrà sempre qualche cosa di nuovo e diverso che cambierà il corso del racconto e che farà venire voglia di altri racconti e altre storie.

A piccoli passi: “EHI, CI SONO ANCH’IO!”

5-10-11-12-17-18-24-25-26-31 MARZO
ore 18 – Teatrino del Piano

A PICCOLI PASSI
“EHI, CI SONO ANCH’IO!”
con Nicoletta Briganti, Natascia Zanni, Lorella Rinaldi
regia di Lino Terra
teatro d’attore e di figura
(dai  3 anni)
Marche Teatro – Teatro del Canguro

C’è sempre una prima volta per tutto! Il primo passo è sempre il più importante perché è da quello che tutto inizia, ed è come se chi lo compie mandasse al mondo un segnale importante: “Ci sono anch’io, sono arrivato!” Poi da quel primo passo se ne devono fare molti altri, non tutti facili, ma crescere significa anche superare ostacoli e paure. Lo spettacolo racconta i primi passi di alcuni differenti personaggi: quello di una bambina che riesce finalmente a lasciarsi e camminare, quell’altro di un piccolo pesce che, lasciato per curiosità il suo banco, deve ora riconquistare il suo posto che aveva abbandonato, e altri ancora, tutti desiderosi di affermare nel mondo la propria presenza.

LA TALPA SOTTO IL CHIARO DI LUNA_STRAVAGANZE IN SOL MINORE

19 MARZO ore 18.00_Teatro Sperimentale PRIMA NAZIONALE

ATERBALLETTO / FRANCESCA LATTUADA
LA TALPA SOTTO IL CHIARO DI LUNA
STRAVAGANZE IN SOL MINORE

rituale per movimento danzato e parole

regia e coreografia Francesca Lattuada
testi Toti Scialoja (tratti da La mela di Amleto)
maschere e oggetti Natali Fortier
interpreti Vittoria Franchina, Piersilvio De Santis

coproduzione Fondazione Nazionale della Danza / Aterballetto e Centro Teatrale Bresciano
in coproduzione con Centro Servizi Culturali Santa Chiara

spettacolo per l’infanzia con una danzatrice e un cantante

Il virtuosismo magico di Toti Scialoja (1914-1998), maestro non solo di immagini, ma anche di parole, è alla base di una creazione per ragazzi prodotta dal Centro Coreografico Nazionale / Aterballetto di Reggio Emilia e dal Centro Teatrale Bresciano. Regia e coreografia sono di Francesca Lattuada, e in scena ci sono due giovani interpreti: la danzatrice di Aterballetto Vittoria Franchina, e un giovane attore neodiplomato. Alla visionarietà che caratterizza il lavoro di Francesca Lattuada corrisponde l’universo visivo dell’artista Natali Fortier, capace di evocare strani mix tra esseri zoomorfi e antropomorfi, che creerà delle maschere per l’occasione.
Particolarità di questo spettacolo è la possibilità per lo spettatore di trovarsi a contatto con testi di altissima qualità letteraria e di immediata fascinazione. Permettendo quindi una riflessione peculiare sulla poesia, precedente o successivo alla visione.
La sonorità stessa delle parole e gli imprevedibili accostamenti della fantasia conducono verso una “una pedagogia dell’immaginazione”, come direbbe Italo Calvino, non a caso uno dei più grandi estimatori di Toti Scialoja.

Artista poliedrica, coreografa regista d’opera cantante  e antropologa  Francesca Lattuada evade da sempre da ogni itinerario prestabilito, ogni comodo schema e da qualsiasi altra categorizzazione possibile. Con sede a Parigi lavora in tutto il mondo e ad Ancona ha curato la regia dell’opera lirica Cenerentola nella Stagione 2018 e ha partecipato negli anni ‘90 più volte con la sua storica compagnia Festina Lente a più di una edizione di Inteatro festival.