23 dic. 2019 | “Lo Schiaccianoci” del Balletto di Milano

27 dicembre al Teatro delle Muse

Appuntamento con la danza classica di qualità venerdì 27 dicembre alle ore 20.45 al Teatro delle Muse di Ancona con Lo Schiaccianoci del Balletto di Milano, balletto fantastico in due atti su musica di P. I. Tchaikovsky, liberamente ispirato al racconto di E. T. A. Hoffmann, coreografia di Federico Veratti, scenografia di Marco Pesta, ideazione di Carlo Pesta.
Lo Schiaccianoci è il balletto natalizio che ha fatto sognare intere generazioni, in un’esclusiva versione del Balletto di Milano colorata ed elegante, brillante e ricca di verve.
L’ambientazione anni ’20 con i suoi colori vivaci negli arredi e gli elegantissimi costumi, sempre in stile, ci conducono immediatamente nel clima della fiaba natalizia per eccellenza. La rivisitazione del celebre balletto di repertorio è fedele alla magia della storia originale, in questo Schiaccianoci il pubblico sarà immerso nell’atmosfera delle feste: dall’albero di Natale alla nevicata, dall’allestimento imponente ai costumi importanti … ma con un pizzico di freschezza.
Il frizzante primo atto scorre tra le danze dei genitori, quelle di bambini vivacissimi e inaspettate gag tra il dispettoso Fritz e Drosselmeyer. Gli insoliti costumi dei topi e soldatini nella consueta battaglia, un paesaggio innevato dal sapore impressionista per la sempre attesa danza dei candidi fiocchi di neve, infondono un’originalità particolarmente apprezzata.
Il secondo atto, dopo il “divertissement” con le sue belle danze e l’esplosione di gioia e colori del Valzer dei fiori, culmina in uno spettacolare “grand pas deux” ricco di virtuosismi mozzafiato in cui si mettono in luce le eccezionali caratteristiche tecniche e artistiche dei protagonisti.

Per tutte le informazioni ci si può rivolgere alla biglietteria del Teatro delle Muse telefono 071 52525, biglietteria@teatrodellemuse.org.
Per ricevere la INFOfanzine sull’attività di Marche Teatro ci si può iscrivere alla newsletter su
Per iscriversi al servizio INFOwhatsappMT puoi farlo inviando un messaggio al numero 3498218072

19 dic. 2019 | A Natale regala il Teatro

MARCHE TEATRO
BIGLIETTI DEGLI SPETTACOLI SOTTO L’ALBERO

TRA LE NOVITÁ IN BIGLIETTERIA
PUOI RICHIEDERE LA NUOVA MT CARD GRATUITA

MARCHE TEATRO come ogni anno lancia la campagna A Natale regala il Teatro, alla biglietteria del Teatro delle Muse è possibile acquistare buoni regalo, carnet teatro, danza, teatro ragazzi, cinema e biglietti singoli di tutti gli appuntamenti MT da mettere sotto l’albero.

Spettacoli da regalare, che verranno consegnati in busta rossa con logo argento e abbinati ad un segnalibro/biglietto d’auguri da inserire in busta.

MARCHE TEATRO propone 31 titoli tra cui scegliere che vanno dal teatro alla danza, dal teatro ragazzi, agli altri spettacoli fuori abbonamento, al cinema previsti nella programmazione 19 20.
Per chi compra o regala il teatro quest’anno si può richiedere anche la nuova MARCHE TEATRO Card a punti. Tutte le modalità sono segnalate sul sito www.marcheteatro.it (pagina nuove MT Card).
Per conoscere tutte le possibilità basta recarsi in biglietteria al Teatro delle Muse di Ancona da martedì a sabato dalle 9.30 alle 13.30 e giovedì e venerdì anche il pomeriggio dalle 16.30 alle 19.30 o chiamare allo 071 52525.
Aperture straordinarie della biglietteria nel periodo natalizio: sabato 21/12 apertura pomeridiana, domenica 22/12 mattina e pomeriggio, lunedì 23/ 12 mattina e pomeriggio e martedì 24/12 apertura continuata dalle 10 alle 16.

Tra i tanti appuntamenti da regalare:

TEATRO
Dal 9 al 12 gennaio 2020 al Teatro delle Muse è in scena Tango del calcio di rigore, un affresco su calcio e potere in salsa sudamericana. Il regista Giorgio Gallione, che firma anche la drammaturgia, ha scelto come protagonisti Neri Marcorè. Dal 22 al 26 gennaio al Teatro Sperimentale arriva Misery di William Goldman tratto dal romanzo di Stephen King interpretato e diretto da Filippo Dini; in palco con lui Arianna Scommegna. Misery è una grande opera sul potere magico della narrazione.
Dal 31 gennaio al 2 febbraio alla Sala Melpomene del Teatro delle Muse va in scena Cinque minuti di gazzarra con la drammaturgia e la regia di Evandro Fornasier, Daniele Gaglianone (del regista di origine anconetana saranno proiettati, nei giorni precedenti, tre film al Cinemuse).
Dal 13 al 16 febbraio al Teatro delle Muse va in scena il capolavoro di Jane Austen Orgoglio e Pregiudizio con adattamento teatrale di Antonio Piccolo, regia di Arturo Cirillo. La produzione è di Marche Teatro e Teatro Stabile di Napoli_Teatro Nazionale. In scena Arturo Cirillo, Valentina Picello, Riccardo Buffonini, Alessandra De Santis, Rosario Giglio, Sara Putignano, Giacomo Vigentini, Giulia Trippetta; scene Dario Gessati, costumi Gianluca Falaschi, luci Camilla Piccioni, musiche Francesco De Melis.
Affascinato dall’Ottocento, e dal rapporto fra i grandi romanzi di quell’epoca e la scena, Arturo Cirillo ama l’ironia e lo sguardo acuto ma anche distaccato dei personaggi della Austen; il suo mondo dove apparentemente non accade mai nulla di eclatante, abitato per la maggior parte da creature che stanno abbandonando la fanciullezza per diventare ragazze da marito o giovani scapoli da sposare, lo affascina.
Dal 20 al 23 febbraio al Teatro delle Muse arriva la prima versione teatrale de I soliti ignoti tratto dalla sceneggiatura di Monicelli – Cecchi D’Amico – Age&Scarpelli, con e regia di Vinicio Marchioni. La commedia è tratta del mitico film di Monicelli. In scena con Vinicio Marchioni anche Giuseppe Zeno.
Dal 4 all’8 marzo al Teatro Sperimentale va in scena il testo di Vincenzo Manna La Classe con la regia di Giuseppe Marini è un innovativo esperimento di data storytelling. In scena vedremo otto attori tra i quali spiccano: Claudio Casadio, Andrea Paolotti, Brenno Placido. Il progetto da cui nasce il testo, ha preso l’avvio da una ricerca condotta da Tecné, basata su circa 2.000 interviste a giovani tra i 16 e i 19 anni, sulla loro relazione con gli altri e sul loro rapporto con il tempo.
Dal 12 al 15 marzo al Teatro delle Muse va in scena il capolavoro di Victor Hugo, I Miserabili con la regia di Franco Però e interpretato da Franco Branciaroli assieme ad una eccellente compagnia di altri dodici attori. Quella di portare “I Miserabili” sulle tavole di un teatro di prosa è un’impresa sicuramente temeraria, una sfida.
Chiude la Stagione Teatrale Dal 26 al 29 marzo al Teatro delle Muse un classico di Carlo Goldoni Arlecchino servitore di due padroni con protagonista Natalino Balasso, regia di Valerio Binasco. Famelico, bugiardo, disperato e arraffone, l’Arlecchino “contemporaneo” di Binasco è un poveraccio che sugli equivoci costruisce una specie di misero riscatto sociale.
Chiude il cartellone al Teatro Sperimentale va in scena Una notte sbagliata scritto e interpretato da Marco Baliani regia di Maria Maglietta prodotto da Marche Teatro. L’attor porta in scena in questo spettacolo il corpo di un essere umano già fragile, corpo che in quella notte che, poi, solo dopo scopriremo sbagliata, diventa un capro espiatorio.

DANZA
Per la Stagione di Danza 2019 2020 gli appuntamenti sono imperdibili con allestimenti spettacolari e danzatori e performer di altissimo livello. Sono cinque le grandi creazioni tutte in scena alle Muse tra coreografi internazionali e le migliori formazioni italiane.
Dalla commedia fisica con un pizzico di magia di Jakop Ahlbom, Lebensraum (18 gennaio) a Il Piccolo Principe di Luca Silvestrini (29 febbraio in abbonamento e 1 marzo fuori abbonamento) poi ancora l’energia dirompente dei danzatori de Les Nuites Barbares del coreografo franco algerino Hervè Koubi (20 marzo).
Per la danza classica arriva come quinto titolo Lo Schiaccianoci del Balletto di Milano (27 dicembre).

TEATRO RAGAZZI tutti gli spettacoli dedicati ai più piccoli che si tengono tra Teatro Sperimentale e Teatrino del Piano curati dal Teatro del Canguro.

CINEMA gli appuntamenti del Cineopera, del Cinedomenica per Ragazzi poi ancora molti titoli legati ai registi ospiti anche nella Stagione Teatrale come i 3 film di Daniele Gaglianone (programmazione in aggiornamento su www.marcheteatro.it)

Per tutte le informazioni ci si può rivolgere alla biglietteria del Teatro delle Muse telefono 071 52525, biglietteria@teatrodellemuse.org.
Per ricevere la INFOfanzine sull’attività di Marche Teatro ci si può iscrivere alla newsletter.
Per iscriversi al servizio INFOwhatsappMT puoi farlo inviando un messaggio al numero 3498218072.

10 dic. 2019 | MICHELE SAMBIN Più de la vita FILM al CINEMUSE alla presenza dell’artista / Cinematica preview 2020

AL CINEMUSE
L’EVENTO TRA CINEMA E ARTE

PIÙ DE LA VITA
IL FILM
DEDICATO AL LAVORO DI MICHELE SAMBIN
PIONIERE DELLA VIDEO ARTE

LA PROIEZIONE
 IN PRIMA REGIONALE
È IN COLLABORAZIONE CON CINEMATICA FESTIVAL

L’ARTISTA MICHELE SAMBIN E LA REGISTA RAFFAELLA RIVI SARANNO PRESENTI IN SALA

Al Cinemuse, lo spazio cinema del Teatro delle Muse (sala del Ridotto), lunedì 16 dicembre alle ore 20.45 si potrà assistere ad un evento speciale tra cinema e performance. L’appuntamento è con la proiezione del film Più della Vita diretto da Raffaella Rivi (presente alla proiezione), prodotto da Kublai film; una preview del Festival Cinematica organizzato grazie alla collaborazione con MARCHE TEATRO.

Il film racconta, in una dimensione intima e concreta, quattro decenni del percorso artistico di Michele Sambin, che sarà presente in sala; pioniere della videoarte, ideatore di performance, spettacoli teatrali, opere pittoriche e partiture sonore.

Michele Sambin, Fondatore del TAM Teatro Musica, compagnia ospitata più volte negli anni a INTEATRO Festival (partecipa a Inteatro Festival nell’edizione del 1986 con Dell’anima dell’arco e Se San Sebastiano sapesse e del 1987 con Macchine sensibili), ma anche artista visivo e musicista, che incrocia e sperimenta le diverse tecnologie nel loro evolversi, dal video analogico alla pittura digitale, dagli strumenti tradizionali alla musica elettronica. Proprio per la trasversalità e l’importanza del suo percorso multidisciplinare, l’artista è stato ospite del Festival Cinematica 2016.

Attraverso le opere d’archivio e il lavoro quotidiano dell’artista, il film, diretto da Raffaella Rivi, offre uno sguardo diretto sull’arte intesa come lavoro concreto che attraversa il tempo e trasforma lo spazio. Il titolo, Più de la vita è tratto da Ruzante, drammaturgo italiano del ‘500 molto amato da Sambin, che nella sua ultima lettera/testamento riflette sull’importanza di una vita che deve essere vissuta con consapevolezza e intensità: una vita larga, più che lunga.

Nel film vedremo materiale di repertorio, video d’archivio e riprese nella quotidianità di Sambin: il presente diventa così un mezzo per ripercorrere la sua carriera artistica, la sua escursione nei tanti campi della creazione, il suo appassionato ancoraggio al connubio tra immagine e suono. Quarant’anni di storia dell’arte visti con gli occhi dello stesso Sambin: di passione per la sperimentazione, di curiosità e di coraggio nel gettarsi in nuove avventure, nell’esplorazione dell’ignoto. Centrale in questo viaggio l’evoluzione tecnologica che ha fornito spesso sia il mezzo che l’ispirazione per la scoperta della videoarte.

Dopo la proiezione del film ci sarà occasione di conversare con Michele Sambin che ci sorprenderà anche con una breve ma intensa performance musicale.

Per informazioni e prenotazioni biglietteria@teatrodellemuse.org tel 071 52525, per prenotazione gruppi 071 20784222, da un’ora prima è possibile acquistare i biglietti direttamente al musebar.

Prima della proiezione sarà possibile degustare un ottimo aperitivo al musebar.

È on line la call for artists di Cinematica 2020 che scadrà il 10 gennaio, sul sito del festival tutte le informazioni www.cinematicafestival.com.

9 dic. 2019 | La commedia di culto “Rumori fuori scena” al Teatro delle Muse

DAL 12 AL 15 DICEMBRE
AL TEATRO DELLE MUSE DI ANCONA
LA COMMEDIA DI MACHAEL FRAYN
RUMORI FUORI SCENA
CON E REGIA DI VALERIO BINASCO
La Compagnia incontra il pubblico sabato 14 dicembre alle ore 18.30 al musecaffè

Dal 12 al 15 dicembre al Teatro delle Muse di Ancona arriva Rumori fuori scena
di Michael Frayn, traduzione Filippo Ottoni, regia Valerio Binasco con (in ordine alfabetico): Francesca Agostini, Valerio Binasco, Fabrizio Contri, Andrea Di Casa, Giordana Faggiano, Elena Gigliotti, Milvia MariglianoNicola PannelliIvan Zerbinati, scene Margherita Palli, costumi Sandra Cardini, luci Pasquale Mari. La produzione è del Teatro Stabile Torino_ Teatro Nazionale con il sostegno di Fondazione CRT

La Compagnia incontra il pubblico sabato 14 dicembre alle ore 18.30 al Musecaffè, conduce l’incontro la giornalista Lucilla Niccolini.

Un cult del teatro contemporaneo Rumori fuori scena dell’inglese Michael Frayn, celebra le goffe imprese di una compagnia di scalcagnati teatranti.
In tre atti, allestimento, debutto e tournée di una farsa erotica: gli spettatori assistono alla prova generale della pièce, congegno perfetto di entrate e uscite, ma anche di divertenti equivoci. La quotidianità del teatro lascia spazio alla sua natura istrionica: il pubblico si trova a sbirciare dietro le quinte, tra animate ripicche e rivalità. Interruzioni, errori, crisi di nervi, tensioni, amorazzi e riappacificazioni potrebbero compromettere definitivamente le recita della commedia, ma nonostante tutto, si va in scena e con grande successo!
Rumori fuori scena ha debuttato nel 1982 a Londra, trasformandosi immediatamente in un successo internazionale. Nel 1992, lo spettacolo è stato trasformato in un film diretto da Peter Bogdanovich e interpretato da Michael Caine e Christopher Reeve.
Valerio Binasco firma lo spettacolo dopo una lunga e felice frequentazione con i meccanismi della commedia e con grandi autori come Goldoni, Shakespeare, Molière approdando con sapienza al testo che meglio svela, con affettuoso sarcasmo, le dinamiche che si nascondono dietro a uno spettacolo teatrale.

La Stagione Teatrale di Ancona è sostenuta da Comune di Ancona/Assessorato alla Cultura, Regione Marche/Assessorato alla Cultura, Ministero dei Beni e delle Attività Culturali, Camera di Commercio delle Marche in collaborazione con gli sponsor Estra Prometeo, Trevalli, SeePort Hotel e SeeBay Hotel, Generali Ancona Corso Mazzini 7.  Si ringraziano per il contributo erogato tramite Art Bonus: Ubi banca e GGF Group.

Info e biglietti: biglietteria del Teatro delle Muse telefono 071 52525, biglietteria@teatrodellemuse.org.

Per ricevere la INFOfanzine sull’attività di Marche Teatro ci si può iscrivere alla newsletter su
Per iscriversi al servizio INFOwhatsappMT puoi farlo inviando un messaggio al numero 3498218072

9 dic. 2019 | Coppélia in diretta da Londra al cinemuse

CINEOPERA
Proiezioni di opere e balletti in diretta dai teatri più prestigiosi del mondo

AL CINEMUSE
(RIDOTTO DEL TEATRO DELLE MUSE)
MARTEDì 10 DICEMBRE ALLE ORE 20.15
IN DIRETTA DALLA ROYAL OPERA HOUSE DI LONDRA
IL BALLETTO
COPPELIA

La programmazione di cinema curata da Marche Teatro strizza l’occhio alla lirica con una serie di proiezioni di opere e balletti provenienti dai teatri più prestigiosi di tutto il mondo.
La rassegna è a cura di Marche Teatro in collaborazione con Fondazione Teatro delle Muse, Associazione Palchettisti.

Cineopera, la rassegna così denominata, prosegue fino ad aprile 2020.

Martedì 10 dicembre alle ore 20.15 è la volta del balletto “Coppélia” in diretta dalla Royal Opera House, con la coreografia di Ninette de Valois.

Coppélia balletto in tre atti, produzione e coreografia Ninette de Valois, da Iev iIanov ed Enrico Cecchetti, musica Léo Delibes, canovaccio Charles Nuitter e Arthur Saint-Léon, da der sandmann di E.T.A. Hoffmann, scene e costumi Osbert Lancaster, luci John B. Read, dirige Barry Wordsworth Orchestra of The Royal Opera House, primo violino Sergey Levitin, regia video Ross Macgibbon.
Il dottor Coppélius ha costruito una bambola meccanica, Coppélia, talmente realistica che chiunque la veda sul suo balcone la scambia per una bella ragazza. Swanilda si arrabbia quando scopre che il fidanzato Franz cerca di corteggiare Coppélia. Il borgomastro annuncia che ci sarà una festa e tutte le coppie di fidanzati riceveranno una dote dal duca. Coppélius esce per una passeggiata serale, viene infastidito da alcuni giovani e perde le chiavi di casa. Swanilda e le sue amiche trovano le chiavi ed entrano in casa di Coppélius. Vendendo la porta aperta, Coppélius entra furtivamente in casa sua per sorprendere gli intrusi. Franz torna per incontrare la ragazza del balcone.
Nel secondo atto Swanilda si avvicina a Coppélia e scopre con sorpresa che è soltanto una bambola. Coppélius arriva e scaccia le amiche di Swanilda, mentre lei si nasconde e prende il posto di Coppélia. Franz appare alla finestra e Coppélius lo lascia entrare; poi lo prende per l’orecchio, lo droga e cerca di infondere in Coppélia la forza vitale di Franz. Swanilda finge di essere la bambola che prende vita; Coppélius ne è incantato e le insegna una danza spagnola e una danza scozzese. Franz riprende i sensi e Coppélius si rende conto di essere stato raggirato.
La sera seguente il duca dona oro alle coppie fidanzate. Coppélius si lamenta perché le sue bambole sono state dsistrutte. Il duca lo placa con un sacco d’oro. I contadini eseguono la Danza delle ore. Franz e Swanilda si riconciliano e tutti celebrano il loro matrimonio.

Nel cast: Swanilda Marianela Nuñez, Franz Vadim Muntagirov, Dottor Coppélius Gary Avis, Borgomastro Christopher Saunders, Oste Erico Montes, Amiche di Swanilda Mica Bradbury, Isabella Gasparini, Hannah Grennell, Meaghan Grace Hinkis, Romany Pajdak, Leticia Stock, Contadinella Mayara Magri, Duca Lukas Bjørneboe Brændsrød, Aurora Claire Calvert, Preghiera Annette Buvoli, Artisti Del Royal Ballet.

Si torna all’opera il 22 gennaio alle ore 20.00 con “Aida”, direttore Gustavo Gimeno, regia Thomas Guthrie
in diretta dal Gran Teatre del Liceu di Barcellona.

Segue il 19 febbraio “Macbeth” alle ore 20.30 in diretta dalla Staatsoper di Belino; l’opera su musica di Giuseppe Verdi vanta la direzione di Daniel Barenboim e la regia di Harry Kupfer.

Il 17 marzo alle ore 19.15 è la volta di “Manon” in diretta dall’Opéra National de Paris, L’OPERA DI massenet è diretta da Dan Ettinger con la regia di Vincent Huguet.

La rassegna si chiude mercoledì 1 aprile alle ore 20.15 con il balletto “Il lago dei cigni” in diretta dalla Royal Opera House su coreografia di Liam Scarlett, dall’originale di Marius Petipa e Lev Ivanov, direttore Koen Kessels.

I biglietti per il Cinemuse sono in vendita da un’ora prima dell’inizio delle proiezioni al Musebar.
Prezzo biglietto opere e balletti in diretta €12 e ridotto €10 / per le altre biglietto intero €10 ridotto €8.
I ridotti sono per possessori di MARCHE TEATRO Card Oro, MTCard raggiungimento punti, Opera Card e Età under 30 e over 65.

2 dic. 2019 | Il 6, 7, 8 dicembre, in anteprima, va in scena OTTAVA RIMA

6 7 8 DICEMBRE ALLE ORE 20
ALLA SALA MELPOMENE DEL TEATRO DELLE MUSE
LA COMAPAGNIA NUMERI 11
PRESENTA LO SPETTACOLO
OTTAVA RIMA_OVVERO COME IL PASTORE CONTA LE PECORE

ULTIMO APPUNTAMENTO
DEL PROGETTO MARCHE CREA #1
FOCUS SULLE NUOVE CREAZIONI TEATRALI DELLE MARCHE

Il 6, 7, 8 dicembre, in anteprima, va in scena OTTAVA RIMA – OVVERO COME IL PASTORE CONTA LE PECORE convivio teatrale sonorizzato dal vivo di e con Gennaro Apicella e Michele Maccaroni, regia NUMERI 11, sonorizzato dal vivo da Andrea Illuminati, light design Pietro Cardarelli, consulenza storico/letteraria prof. Mario Baldassarri, costumi Stefania Cempini, produzione A. C. NUMERI 11 / MARCHE TEATRO.
Nel 1819, in un’osteria di cui non c’è più traccia, al confine tra Lazio, Abruzzo e Marche, si incontrano un pastore e un forestiero. Entrambi poeti, tra un bicchiere di vino e l’altro, si guarderanno, si studieranno. In un
dialogo sempre in bilico tra curiosità e diffidenza, ammirazione e paura, conteranno le pecore in transumanza e seguiranno le linee delle stelle in lontananza.
Noi spettatori, alzando con loro i calici al ritmo dei versi, ascolteremo storie e vicende, apprenderemo usanze tipiche di una terra misteriosa, conosciuta non certo fino in fondo.
Gennaro Apicella_attore Nasce a Napoli nel 1983. Dopo numerosi collaborazioni con importanti artisti del teatro napoletano si diploma presso il Teatro Stabile di Genova. Lavora con Anna Laura Messeri, Massimo Mesciulam, Filippo Dini, Marco Sciaccaluga, Valerio Binasco. In Tv viene scelto tra i protagonisti della quarta stagione di Gomorra – La serie, dove viene diretto da Francesca Comencini, Claudio Cupellini, Marco D’Amore, Ciro Visco e Enrico Rosati
Andrea Illuminati_musicista Nasce a San Benedetto del Tronto nel 1981. Frequenta le scuole Saint Louis di Roma, Scuola Civica di Jazz di Milano, Conservatorio G. Verdi di Milano. Suona in diverse formazioni, tra le quali Nichelodeon, Bellatesta, ElectricElectric, spaziando dal jazz alla musica classica, dall’elettronica alle avanguardie, dal musical al folk, dal cantautorato alla musica per danza e spettacolo.
Michele Maccaroni_attore Attore professionista diplomato presso la Scuola di Recitazione del Teatro Nazionale di Genova. Lavora con importanti registi del panorama italiano e internazionale tra cui Sciaccaluga, Stein e Nekrosius.

MARCHE TEATRO promuove la prima edizione del progetto MARCHE CREA con il sostegno della Regione Marche.
Il progetto MARCHE CREA intende sostenere la produzione teatrale di una nuova generazione di compagnie e artisti marchigiani fornendo un supporto economico, tecnico, organizzativo e promozionale ad opere prime, riallestimenti e progetti in progress.

Orario spettacoli ore 20
Biglietto: intero €10 / ridotto €8
Informazioni e prenotazioni: Biglietteria del Teatro delle Muse 07152525, biglietteria@teatrodellemuse.org / biglietti online www.geticket.it / gruppi e scuole 07120784222.

MARCHE TEATRO Teatro di Rilevante Interesse Culturale è sostenuto da Comune di Ancona/Assessorato alla Cultura, Regione Marche/Assessorato alla Cultura, Ministero dei Beni e delle Attività Culturali, Camera di Commercio delle Marche in collaborazione con gli sponsor Estra Prometeo, Trevalli, SeePort Hotel e SeeBay Hotel, Generali Ancona Corso Mazzini 7.  Si ringraziano per il contributo erogato tramite Art Bonus: Ubi banca e GGF Group.

Per ricevere la INFOfanzine sull’attività di Marche Teatro ci si può iscrivere alla newsletter compilando il form sul sito www.marcheteatro.it/newsletter_form/
Per iscriversi al servizio INFOwhatsappMT puoi farlo inviando un messaggio al numero 3498218072.

27 nov. 2019 | Una navetta per il Teatro

ACCORDO CONEROBUS E MARCHE TEATRO
UN PROGETTO PILOTA PER LA MOBILITÀ SOSTENIBILE

Nuovi servizi per i passeggeri-spettatori: navetta per le Muse il 1° dicembre in occasione del musical The Full Monty e punti in omaggio sulla nuova MarcheTeatro Card con l’abbonamento del bus.

Punti in omaggio sulla Marche Teatro Card e sperimentazione di un sevizio navetta per consentire agli spettatori di raggiungere direttamente le Muse e tornare comodamente a casa non appena calato il sipario. Sono le iniziative messe a punto da Conerobus /Atma, in collaborazione con Marche Teatro, per favorire gli spostamenti con il trasporto pubblico.

Guadagnare punti extra da accumulare sulla propria Marche Teatro Card è semplicissimo. Gli abbonati Conerobus /Atma che si presenteranno alle biglietterie di Muse e Sperimentale per acquistare un biglietto di un qualsiasi spettacolo riceveranno due punti in omaggio, se in possesso di un abbonamento mensile, tre nel caso di tessera di durata annuale. Una promozione particolarmente vantaggiosa per lo spettatore, che potrà arrivare più velocemente alla soglia di punti necessaria ad ottenere uno sconto sull’ingresso a teatro.

Domenica 1°dicembre, inoltre, Conerobus /Atma allestirà un bus navetta di andata e ritorno, con partenza da Falconara, per accompagnare alle Muse il pubblico di The Full Monty, il musical ispirato a un grande cult del cinema, in scena alle ore 16.30.

“Si tratta di una sperimentazione – commenta il presidente di Conerobus Muzio Papaveri – per incentivare l’uso del mezzo pubblico. Una delle tante iniziative messe a punto dalla nostra azienda per offrire prestazioni sempre più efficienti e in linea con le esigenze di mobilità dell’utenza”.

“L’attivazione di questo servizio è prezioso per tendere verso una mobilità sempre più sostenibile –dichiara il direttore generale di Marche Teatro Velia papa -. Crediamo nella necessità di puntare ad un “Teatro sempre più verde” e ringraziamo Conerobus per la collaborazione nell’attivazione di una navetta “pilota”.

La navetta che condurrà gli spettatori all’appuntamento con The Full Monty è disponibile su prenotazione, da effettuarsi entro il giorno precedente allo spettacolo telefonando al numero 800.21.88.20. Gli spettatori dovranno comunicare nome e cognome e fermata di salita. Costo del biglietto di andata e ritorno: 3,60 euro, con pagamento a bordo direttamente all’autista. Il bus, con base di partenza alle 15.30 dalla stazione di Falconara, farà tappa a Collemarino (ore 15.40), Torrette stazione (ore 15.46), stazione di Ancona (ore 15.54) e Parcheggio degli Archi (ore 15.58), prima di raggiungere alle 16.02 il Massimo dorico. Ripartirà alle 20 da piazza Kennedy, seguendo lo stesso percorso. Per garantire il buon funzionamento del servizio, si richiede di raggiungere la fermata con cinque minuti di anticipo.

26 nov. 2019 | The Full Monty al Teatro delle Muse

DAL 28 NOVEMBRE ALL’1 DICEMBRE
AL TEATRO DELLE MUSE DI ANCONA
ARRIVA LA COMMEDIA MUSICALE
THE FULL MONTY

Dal 28 novembre all’1 dicembre al Teatro delle Muse di Ancona (con doppia replica sabato 30 novembre alle 16.30 fuori abbonamento e sabato alle 20.45 in abbonamento) arriva The Full Monty.

L’effetto sorpresa è assicurato, con qualche ingrediente “hot”, tantissimo divertimento e una colonna sonora travolgente: a vent’anni dalla prima edizione del Musical di Broadway, torna in Italia “The Full Monty”, la commedia musicale firmata da Massimo Romeo Piparo, con un cast e un’edizione completamente rinnovati.

Nei panni degli intraprendenti disoccupati che si improvvisano spogliarellisti per necessità, il pubblico vedrà, protagonisti d’eccellenza, i campioni di incasso del musical dei record “Mamma Mia!”, Paolo Conticini e Luca Ward che, con Gianni Fantoni, Jonis Bascir e con Nicolas Vaporidis, insieme a un grande cast di oltre 30 artisti, daranno “corpo” e anima a questo gruppo di dinamici operai rimasti senza lavoro ma non senza idee.

Un grande allestimento prodotto dalla PeepArrow Entertainment. Adesso in tour nei principali teatri italiani fino a marzo 2020: Ancona, Firenze, Trento, Genova, Cremona, Bolzano, Udine, Reggio Emilia, Parma, Varese, Bologna, Roma, Bari, Brindisi, Messina, Catania.

Lo spettacolo, tratto dall’omonimo film inglese campione d’incassi del 1997, è stato scritto da Terrence McNally e musicato da David Yazbeck, per la regia e l’adattamento italiano di Piparo, racconta una bellissima storia di riscatto sociale: al centro della commedia la vicenda di Giorgio, Aldo, Davide, “Cavallo”, Marcello e Davide, un gruppo di disoccupati che, per sbarcare il lunario, decidono di diventare spogliarellisti pur non avendo alcuna esperienza nel “settore”.

Per la prima volta nella storia di questo titolo, la vicenda è stata spostata dalla Sheffield del film e la Buffalo del Musical, all’italiana Torino, che dopo aver attirato con le sue grandi industrie persone da ogni angolo d’Italia nell’età dell’oro dell’occupazione, adesso fa i conti con la crisi economica e la fine di un’epoca. Con una vita e un salario completamente da reinventare, i 6 operai si rimboccheranno le maniche riuscendo con coraggio e un pizzico di incoscienza a dare una svolta alle loro vite: nonostante la timidezza, il senso di inadeguatezza e le iniziali difficoltà, non solo lo striptease non avrà più segreti, ma riusciranno a conoscere più a fondo se stessi e a ritrovare i valori dell’amicizia e della solidarietà.

“Quando nel 1997 uscì il film The Full Monty” –spiega Massimo Romeo Piparo – “veniva stigmatizzata attraverso la commedia una piaga della società di quell’epoca: la grande trasformazione dell’economia industriale con una conseguente perdita di milioni di posti di lavoro in tutta Europa. La disoccupazione sembrava un fulmine a ciel sereno con cui iniziare a fare i conti. Ebbene riproporre ancora oggi questo titolo ha il sapore amaro della presa d’atto che questi conti non sono ancora chiusi! La incredibile attualità di questo testo fa sentire forte la sua voce ancora nel 2019 e forse ancora di più di allora. Il lavoro E’ il tema dei temi. La disoccupazione ha trasformato il nostro Paese come l’intera Europa. Ed ecco che il Musical, genere di intrattenimento popolare per eccellenza, corre a ricoprire il proprio ruolo di “specchio della realtà” proponendo due ore e mezza di puro divertimento lascando riflettere lo spettatore su come a volte basti un’idea, una semplice idea, qualunque essa sia, per dare una svolta alla propria vita. Credendo però in sé stessi. Ecco, se c’è un motivo per non perdere questa commedia ricca di sfumature è proprio la carica esplosiva di autostima e incitazione a reagire che trasmette.”

A condurre il pubblico nel vivo dell’appassionante storia di “The Full Monty” un cast di grande talento: le star indiscusse del musical italiano degli ultimi anni, Paolo Conticini e Luca Ward, che con la loro verve hanno entusiasmato le centinaia di migliaia di spettatori di “Mamma Mia!”, Gianni Fantoni, già protagonista nell’edizione del 2013, Jonis Bascir e Nicolas Vaporidis, quest’ultimo al suo debutto assoluto nel musical. Con loro, condivideranno il palcoscenico importanti attori della commedia musicale italiana, Sebastiano Vinci, Laura Di Mauro, Elisabetta Tulli e Valentina Gullace, i giovanissimi Tancredi Di Marco e Christian Roberto – cresciuti nella “scuderia” del Sistina e già protagonisti dell’indimenticabile Billy Elliot, e la partecipazione di Paila Pavese, che, oltre ad aver recitato al fianco di attori come Gigi Proietti e Vittorio Gassman, ha prestato la propria voce a celebri personaggi di cartoni animati e film d’animazione, tra tutti Anastasia e Jessica Rabbit.

Grazie a una colonna musicale trascinante, con l’orchestra diretta dal Maestro Emanuele Friello, il Musical conquisterà il cuore del pubblico perché quella di “The Full Monty” è una storia divertente e al tempo stesso capace di far riflettere, con tanti riferimenti anche all’attualità dei nostri giorni. Senza contare che le spettatrici più “golose” non resteranno di certo deluse: basterà attendere il finale dello spettacolo, quando il gruppo dei mitici disoccupati garantirà per i loro occhi, in un seducente e allegro chiaroscuro, il full monty, “il servizio completo”….

Le scenografie di “The Full Monty” sono di Teresa Caruso, i costumi di Cecilia Betona, le coreografie di Roberto Croce, le luci di Umile Vainieri e il suono di Davide Zezza.

—-

La Stagione Teatrale e la Stagione di Danza sono sotenute da  sostenuta da Comune di Ancona/Assessorato alla Cultura, Regione Marche/Assessorato alla Cultura, Ministero dei Beni e delle Attività Culturali, Camera di Commercio delle Marche in collaborazione con gli sponsor Estra Prometeo, Trevalli, SeePort Hotel e SeeBay Hotel, Generali Ancona Corso Mazzini 7.  Si ringraziano per il contributo erogato tramite Art Bonus: Ubi banca e GGF Group.

Per tutte le informazioni ci si può rivolgere alla biglietteria del Teatro delle Muse telefono 071 52525, biglietteria@teatrodellemuse.org.
Per ricevere la INFOfanzine sull’attività di Marche Teatro ci si può iscrivere alla newsletter su
Per iscriversi al servizio INFOwhatsappMT puoi farlo inviando un messaggio al numero 3498218072

25 nov. 2019 | Marche Teatro “Black Friday”

MARCHE TEATRO
BLACK FRIDAY

28 e 29 NOVEMBRE DALLE 9.30 ALLE 13.30
SOLO ALLA BIGLIETTERIA DEL TEATRO DELLE MUSE
BIGLIETTI A 5 EURO
LA PROMO È DEDICATA AI POSSESSORI DELLE NUOVE MARCHE TEATRO CARD

II venerdì di novembre più atteso da tutti gli amanti dello shopping. Ma se la ricorrenza tutta made in USA fa gola agli amanti dell’acquisto sfrenato, perché non riproporla anche in chiave culturale?

MARCHE TEATRO per il Black Friday attiva una promozione, di due mattine, dedicata ai possessori di MARCHE TEATRO Card Oro e Rossa.

Giovedì 28 e venerdì 29 novembre dalle 9.30 alle 13.30, solo presso la biglietteria del Teatro delle Muse saranno in vendita 12 titoli della programmazione 2019 20 a €5 tra spettacoli che andranno in scena al Teatro delle Muse, Teatro Sperimentale e Sala Melpomene.

Ogni persona potrà acquistare non più di 4 biglietti. I biglietti disponibili sono in numero limitato, i biglietti in promozione al Teatro delle Muse sono in seconda galleria.

È possibile sottoscrivere la MTCard Rossa per accedere alla promozione direttamente sul posto prima dell’acquisto dei biglietti scontati.

Per info sui biglietti in promozione entra nel sito e guarda la lista degli spettacoli.

Le nuove MT Card sono: la ORO riservata agli abbonati alle Stagioni di MT e la Card Rossa a punti, che si può ritirare gratuitamente in biglietteria.

GLI SPETTACOLI CHE PER DUE MATTINATE SARANNO VENDUTI A 5 EURO SONO:

TEATRO

Dal 6 all’8 dicembre (in vendita per il BF solo la seconda e terza serata), per la Rassegna Marche Crea, va in scena alla Sala Melpomene del Teatro delle Muse  Ottava Rima – Ovvero come il pastore conta le pecore convivio teatrale sonorizzato dal vivo di e con Gennaro Apicella e Michele Maccaroni, regia Numeri 11.

Dal 12 al 15 dicembre alle Muse Valerio Binasco affronta un cult del teatro contemporaneo: Rumori fuori scena dell’inglese Michael Frayn, celebrazione delle goffe imprese di una compagnia di scalcagnati teatranti. In scena un’eccellente Compagnia di dieci attori tra i quali spiccano lo stesso Valerio Binasco e Milvia Marigliano. Rumori fuori scena ha debuttato nel 1982 a Londra, trasformandosi immediatamente in un successo internazionale. Nel 1992, lo spettacolo è stato trasformato in un film diretto da Peter Bogdanovich e interpretato tra gli altri da Michael Caine e Christopher Reeve. 

Dal 9 al 12 gennaio 2020 al Teatro delle Muse è in scena Tango del calcio di rigore, un affresco su calcio e potere in salsa sudamericana. Il regista Giorgio Gallione, che firma anche la drammaturgia, ha scelto come protagonisti Neri Marcorè, Ugo Dighero e Rosanna Naddeo, affiancati dai giovani Fabrizio Costella e Alessandro Pizzuto. Tango del calcio di rigore parte dalla finale dei Mondiali del 1978. Durante i campionati del ’78 in Argentina succede di tutto: morte, tortura, desaparecidos, doping, corruzione. Un ex-bambino di allora, interpretato da Neri Marcorè, alla luce della propria esperienza, cerca di ricostruire il suo passato di appassionato di calcio, recuperando storie di “futbol”, a cavallo tra realismo magico e realtà storica. Tango del calcio di rigore si muove tra mito e inchiesta, per sfociare poi in “tanghedia”, mix di commedia, tango e tragedia.

Dal 13 al 16 febbraio al Teatro delle Muse va in scena il capolavoro di Jane Austen Orgoglio e Pregiudizio con adattamento teatrale di Antonio Piccolo, regia di Arturo Cirillo. La produzione è di Marche Teatro e Teatro Stabile di Napoli_Teatro Nazionale. In scena Arturo Cirillo, Valentina Picello, Riccardo Buffonini, Alessandra De Santis, Rosario Giglio, Sara Putignano, Giacomo Vigentini, Giulia Trippetta; scene Dario Gessati, costumi Gianluca Falaschi, luci Camilla Piccioni, musiche Francesco De Melis.

Affascinato dall’Ottocento, e dal rapporto fra i grandi romanzi di quell’epoca e la scena, Arturo Cirillo ama l’ironia e lo sguardo acuto ma anche distaccato dei personaggi della Austen; il suo mondo dove apparentemente non accade mai nulla di eclatante, abitato per la maggior parte da creature che stanno abbandonando la fanciullezza per diventare ragazze da marito o giovani scapoli da sposare, lo affascina. Un mondo sociale quello della Austen dove ci si conosce danzando, ci si innamora conversando, ci si confida con la propria sorella perché i genitori sono, ognuno a suo modo, prigionieri del proprio narcisismo.

Dal 20 al 23 febbraio al Teatro delle Muse arriva la prima versione teatrale de I soliti ignoti (adattamento teatrale di Antonio Grosso e Pier Paolo Piciarelli) tratto dalla sceneggiatura di Monicelli – Cecchi D’Amico – Age&Scarpelli, con e regia di Vinicio Marchioni. La commedia è tratta del mitico film di Monicelli, uscito nel 1958 e diventato col tempo un classico imperdibile della cinematografia italiana e non solo. L’adattamento è fedele alla meravigliosa sceneggiatura di Age e Scarpelli senza rinunciare a trovate di scrittura e di regia per rendere moderna quell’epoca lontana. In scena con Vinicio Marchioni anche Giuseppe Zeno.

Dal 31 gennaio 1 e 2 febbraio (in vendita per il BF solo la seconda e terza serata), fuori abbonamento, alla Sala Melpomene del Teatro delle Muse va in scena Cinque minuti di gazzarra con la drammaturgia e la regia di Evandro Fornasier, Daniele Gaglianone (del regista di origine anconetana saranno proiettati, nei giorni precedenti, tre film al Cinemuse)

Dal 12 al 15  marzo al Teatro delle Muse va in scena il capolavoro di Victor Hugo, I Miserabili con la regia di Franco Però e interpretato da Franco Branciaroli assieme ad una eccellente compagnia di altri dodici attori. Quella di portare “I Miserabili” sulle tavole di un teatro di prosa è un’impresa sicuramente temeraria, una sfida. Millecinquecento pagine che appartengono alla storia non solo della letteratura, ma del genere umano. I Miserabili è un’opera capace di parlare a ogni epoca come se di quell’epoca fosse il prodotto, l’espressione diretta.

Dal 26 al 29 marzo al Teatro delle Muse un classico di Carlo Goldoni Arlecchino servitore di due padroni con protagonista Natalino Balasso, regia di Valerio Binasco. Famelico, bugiardo, disperato e arraffone, l’Arlecchino “contemporaneo” di Binasco è un poveraccio che sugli equivoci costruisce una specie di misero riscatto sociale. La commedia della stravaganza diventa così un gioioso viaggio nel tempo, alle origini del teatro italiano e della sua grande tradizione comica, con un cast molto affiatato di attori.

Chiude il cartellone il 4 aprile al Teatro Sperimentale Una notte sbagliata scritto e interpretato da Marco Baliani con la regia di Maria Maglietta prodotto da Marche Teatro. Marco Baliani porta in scena in questo spettacolo il corpo di un essere umano già fragile, corpo che in quella notte che, poi, solo dopo scopriremo sbagliata, diventa un capro espiatorio… Entrare e uscire dalle teste e dai corpi dei protagonisti notturni della vicenda, compreso un cane, è stata la gimkana attorale di Baliani, obbligandolo a continui cambi percettivi e linguistici, dentro una rete di rimandi sonori e visivi.

DANZA

Nel 2020 il cartellone continua e sabato 18 gennaio ore 20.45 l’appuntamento alle Muse è con Jakop Ahlbom Company in Lebensraum. La Compagnia che tutti ricordano per aver presentato nel precedente cartellone Horror, propone questa volta una surreale performance di circo contemporaneo. Ahlbom che cura concept e direzione di questo spettacolo ha sviluppato una propria cifra stilista che unisce teatro, mimo, danza, musica ed effetti speciali. Ha un talento unico nel combinare un potente linguaggio visivo con contenuti altrettanto potenti.

Sabato 29 febbraio ore 20.45 in abbonamento e il 1 marzo (fuori abbonamento) arriva, in esclusiva e prima nazionale, alle Muse l’incantevole rivisitazione del capolavoro di Saint-Exupéry Il Piccolo Principe portato ideato e diretto da Luca Silvestrini già ospitato con Border Tales e prodotto da Marche Teatro con Food può contenere tracce di… . Basato sulla famosissima storia scritta da Antoine de Saint-Exupéry, Il Piccolo Principe viene portato in scena dalla pluripremiata compagnia Protein in un mix di danza, humour e teatro. Attraverso le musiche di Frank Moon, il disegno di Yann Seabra e le luci di Jackie Shemesh, il nuovo allestimento di Protein ci invita a guardare il mondo con nuovi occhi e a riconnetterci con il nostro lato bambino.

Il cartellone di danza si chiude venerdì 20 marzo alle ore 20.45 con Cie Hervè Koubi che presenta uno spettacolo potente ed ipnotico Les Nuites Barbares. «Les nuits barbares, ou les premiers matins du monde» è un’opera dedicata al tema dell’origine della cultura mediterranea, un lavoro definito dalla stampa internazionale «spettacolare, sublime, e superlativo». Con questo spettacolo, il coreografo franco-algerino Hervé Koubi ha concepito un gioiello che unisce la potenza ipnotica della parata da guerra e la precisione di un balletto classico e affronta la paura ancestrale del barbaro, portando agli occhi del pubblico ciò che di più affascinante c’è nell’incontro fra culture e religioni.

18 nov. 2019 | L’italiana in Algeri al cinemuse

CINEOPERA

AL CINEMUSE
RIDOTTO DEL TEATRO DELLE MUSE
MERCOLEDÍ 20 NOVEMBRE ALLE ORE 20.30
LA PROIEZIONE DELL’OPERA
ITALIANA IN ALGERI
DI GIOACHINO ROSSINI
CON LA DIREZIONE DI JEAN-CHRISTOPHE SPINOSI
E LA REGIA DI MOSHE LEISER, PATRICE CAURIER

Torna il grande teatro d’Europa ad Ancona grazie alla rassegna “Cineopera al Cinemuse” che mercoledì 20 novembre alle 20.30, vedrà la proiezione di Italiana in Algeri sullo schermo del Cinemuse (Ridotto del Teatro delle Muse).
L’opera lirica in due atti di Gioachino Rossini, su libretto di Angelo Anelli, in una brillante messa in scena del duo regista del BAFTA Moshe Leiser e Patrice Caurier, che giocano abilmente con le idee preconcette sulle culture in conflitto, è il punto culminante delle celebrazioni di Rossini in occasione del 150° anniversario della morte del compositore al Festival di Salisburgo.
Il direttore d’orchestra Jean-Christophe Spinosi, che mostra sensibilità per le complessità della colonna sonora di Rossini, si affida al brillante tenore Edgardo Rocha e alla superba esibizione di Cecilia Bartoli nel ruolo di Isabella. 

Biglietto intero €10 ridotto €8

La programmazione di cinema curata da Marche Teatro strizza l’occhio alla lirica con una serie di proiezioni di opere e balletti provenienti dai teatri più prestigiosi di tutto il mondo.
La rassegna è a cura di Marche Teatro in collaborazione con Fondazione Teatro delle Muse, Associazione Palchettisti.
Il programma proseguirà con:
il balletto “Coppélia” in diretta dalla Royal Opera House, martedì 10 dicembre alle ore 20.15 con la coreografia di Ninette de Valois.
Si torna all’opera il 22 gennaio alle ore 20.00 con “Aida”, direttore Gustavo Gimeno, regia Thomas Guthrie
in diretta dal Gran Teatre del Liceu di Barcellona.
Segue il 19 febbraio “Macbeth” alle ore 20.30 in diretta dalla Staatsoper di Belino; l’opera su musica di Giuseppe Verdi vanta la direzione di Daniel Barenboim e la regia di Harry Kupfer.
Il 17 marzo alle ore 19.15 è la volta di “Manon” in diretta dall’Opéra National de Paris, L’OPERA DI massenet è diretta da Dan Ettinger con la regia di Vincent Huguet.
La rassegna si chiude mercoledì 1 aprile alle ore 20.15 con il balletto “Il lago dei cigni” in diretta dalla Royal Opera House su coreografia di Liam Scarlett, dall’originale di Marius Petipa e Lev Ivanov, direttore Koen Kessels.

I biglietti per il Cinemuse sono in vendita da un’ora prima dell’inizio delle proiezioni al Musebar.
Prezzo biglietto opere e balletti in diretta €12 e ridotto €10 / per le altre biglietto intero €10 ridotto €8.
I ridotti sono per possessori di MARCHE TEATRO Card Oro, MTCard raggiungimento punti, Opera Card e Età under 30 e over 65.

Per tutte le informazioni ci si può rivolgere alla biglietteria del Teatro delle Muse telefono 071 52525, biglietteria@teatrodellemuse.org.
Per ricevere la INFOfanzine sull’attività di Marche Teatro ci si può iscrivere alla newsletter su www.marcheteatro.it.
Per iscriversi al servizio INFOwhatsappMT puoi farlo inviando un messaggio al numero 3498218072

La programmazione è consultabile nella sezione dedicata all’interno del sito di Marche Teatro.