26 giu. 2020 | Estate Teatro Ragazzi 2020 Ancona

A LUGLIO
UN PERCORSO ALL’ARIA APERTA PER BAMBINI “CORAGGIOSI”
AL PARCO DELL’EX CRASS

A SETTEMBRE
GLI SPETTACOLI NEI FINE SETTIMANA AL TEATRINO DEL PIANO

Il Teatro Ragazzi riparte questa estate da un nuovo progetto ideato da Marche Teatro/Teatro del Canguro, per riprendere finalmente il filo a lungo interrotto con i bambini di Ancona.

Dal 13 al 31 luglio, per cinque giorni alla settimana (dal lunedì al venerdì), i piccoli spettatori potranno immergersi in un’avventura a cielo aperto all’interno del Parco dell’Ex Crass (ingresso via Cristoforo Colombo 106). “Questa volta l’eroe sarai tu!” – Percorso per bambini coraggiosi alla ricerca del tempo perduto, questo il titolo del progetto che simulerà “l’eroica” vicenda di ciascun bambino partecipante alle prese con il cattivo mago dalla faccia verde. Si dovrà neutralizzare uno di quei malefici che soltanto i maghi sanno fare e  restituire così a tutti il tempo rubato ai giochi, al divertimento, all’amicizia con i compagni. Ogni bambino affronterà il percorso accompagnato da un adulto passando di volta in volta da un punto all’altro del tragitto, seguendo le indicazioni della mappa che gli verrà consegnata e utilizzando le parole magiche che i vari personaggi incontrati gli affideranno. Saranno proprio queste parole a far sì che tutto possa ritornare come una volta quando i bambini potevano tranquillamente giocare, andare nei parchi, e perché no ritornare anche al Teatrino del Piano ad assistere agli spettacoli pensati e costruiti proprio per loro. La partenza dei potenziali e futuri eroi sarà scaglionata ogni dieci minuti a partire dalle ore 18 fino alle ore 20. Per bambini dai 3 anni in su accompagnati da un genitore, durata del percorso 30’, tutto all’aria aperta.

È stato possibile realizzare questo progetto grazie alla disponibilità dell’Area Vasta 2 dell’ASUR Marche che ha concesso l’utilizzo degli spazi del parco.

La programmazione del Teatro Ragazzi, dopo una pausa nel mese di agosto, riprenderà la prima settimana di settembre con i tradizionali week end al Teatrino del Piano. Saranno rappresentati due differenti titoli del repertorio “Le storie del bosco” (5 e 6 _ 12 e 13 settembre alle ore 18.30) per bambini dai 3 anni “C’erano una volta” (19 e 20_26 e 27 settembre ore 18.30),per bambini dai 4 anni, il primo pieno di animali parlanti non sempre simili a come noi ci possiamo aspettare e il secondo dove si racconta una delicata storia di amicizia fra un bambino e una bambina.

INFO E BIGLIETTI € 4 posto unico – obbligatoria la prenotazione allo 07182805

Vendita biglietti anche presso gli ingressi degli spettacoli da un’ora prima di ogni percorso o recita.

www.teatrodelcanguro.it | www.marcheteatro.it

17 giu. 2020 | MT SPAZIO on-line, dal 18 giugno la compagnia Peeping Tom

MT SPAZIO ON LINE/
APPUNTAMENTO CON IL TEATRO

DA GIOVEDÌ 18 GIUGNO ALLE ORE 19
ON-LINE
LA COMPAGNIA BELGA PEEPING TOM
PRESENTA LO SPETTACOLO A LOUER
Una preziosa occasione per conoscere la compagnia in attesa di poterla applaudire al Teatro delle Muse di Ancona con la produzione più recente 

Straordinari interpreti e imponenti scenografie dal sapore lynchiano conducono lo spettatore in un viaggio attraverso fantasie, ricordi, premonizioni, sogni e incubi

Prosegue la programmazione di MT SPAZIO ON LINE/Appuntamento con il Teatro. 
Il nuovo appuntamento è per il 18 giugno alle ore 19, con la compagnia belga Peeping Tom con A Louer. Lo spettacolo resterà visibile fino a martedì 30 giugno.

In attesa di ospitare dal vivo la compagnia Peeping Tom al Teatro delle Muse con la più recente  produzione KIND, prevista nella prossima stagione di danza, Marche Teatro non poteva perdere questa  preziosa occasione di conoscere la compagnia attraverso la visione di uno degli spettacoli più celebri ed acclamati della compagnia: A Louer, un’opportunità per scoprire l’universo visionario, surreale ed al tempo stesso barocco di Peeping Tom.

Peeping Tom è una compagnia di teatro-danza fondata in Belgio nel 2000 da Gabriela Carrizo e Franck Chartier, ambedue danzatori e coreografi, che riunisce un gruppo eterogeneo di performer con diverse abilità e nazionalità: danzatori, cantanti lirici, attori e ginnasti provenienti dal Belgio, dalla Corea, dal Regno Unito e dal Brasile. Il nome che si sono dati rimanda, in forma di citazione, a uno sguardo ossessivo e perturbante: nella lingua anglosassone Peeping Tom significa infatti “guardone”, dal nome del giovane Tom che, nella leggenda di Lady Godiva, era divenuto cieco per aver guardato dal buco di una serratura, tanto da restarne abbagliato, la celebre bellissima nobildonna mentre questa cavalcava nuda nella città di Coventry per protestare contro l’ennesimo tributo imposto dal marito ai propri sudditi.

Lo spettacolo che presentiamo su MT SPAZIO on line è A Louer.
In A Louer, diretto da Gabriela Carrizo e Franck Chartier, gli straordinari interpreti e le imponenti scenografie dal sapore lynchiano conducono lo spettatore in un viaggio attraverso fantasie, ricordi, premonizioni, sogni e incubi, un viaggio attraverso un tempo che non scorre in modo lineare. Il passato, il presente e il futuro si intrecciano, si confondono fino ad esplodere e dare vita ad un universo di ricordi, paure e immagini oniriche costantemente viziati dalla realtà.
A Louer è una passeggiata sul bordo di una scogliera, la danza di un funambolo sul filo rosso che si stende tra la sensazione di possedere qualcosa e quella di perderla un attimo dopo, la certezza dell’equilibrio prima della caduta nel vuoto.
Tutto è effimero perché tutto può venirci portato via da un giorno all’altro: un appartamento, i nostri oggetti personali, un lavoro, una persona cara o persino la vita stessa.
Tutto è in affitto.

Ideazione e direzione Gabriela Carrizo, Franck Chartier Danza e creazione Jos Baker, Eurudike De Beul, Leo De Beul, Marie Gyselbrecht, Hun-Mok Jung, Seol-Jin Kim, Simon Versnel Assistente alla direzione Diane Fourdrignier Costumi Diane Fourdrignier and HyoJung Jang Luci Ralf Nonn Sound design Raphaëlle Latini, Juan Carlos Tolosa, Eurudike De Beul & Yannick Willox Scenografia Peeping Tom, Amber Vandenhoeck and Frederik Liekens Costruzioni sceniche KVS-atelier Direttore tecnico Filip Timmerman Tecnici Marjolein Demey, Joëlle Reyns, Hjorvar Rognvaldsson, Wout Rous & Amber Vandenhoeck Produzione Peeping Tom & KVS Coproduzione Théâtre de l’Archipel Perpignan, El Canal Centre d’Arts Enscèniques Salt/Girona, Cankarjev Dom Ljubljana, La Filature Mulhouse, Le Rive Gauche Saint- Etienne-du-Rouvray, Guimarães European Cultural Capital 2012, Hellerau European Center for the Arts Dresden, Festival International Madrid en Danza 2012, Festival de Marseille 2012. Distribuzione Frans Brood Productions.

Riguardo al progetto MT SPAZIO on line il direttore di MARCHE TEATRO Velia Papa ha dichiarato_“Vogliamo condividere con gli spettatori la visione in rete di alcuni spettacoli per un tempo effimero, come avviene in teatro. Saranno visibili per una o più serate e poi scompariranno per restare impressi solo nella nostra memoria. Solo in alcuni casi resteranno visibili per un tempo più lungo. Il teatro è accadimento dal vivo e, se si traduce in immagini video, diventa inevitabilmente qualcos’altro: il più delle volte documento in altre, più rare, cinema.”  Tra gli appuntamenti ci saranno spettacoli già presentati dal vivo nei nostri spazi o novità inedite. Non un archivio di registrazioni video più o meno accurate, quindi, ma un vero e proprio appuntamento con il teatro, da segnare in agenda e da non perdere.

Pagina MT SPAZIO ON LINE www.marcheteatro.it/mt-spazio-on-line/

6 giu. 2020 | L’attore nella casa di cristallo

L’ATTORE NELLA CASA DI CRISTALLO
TESTO E REGIA DI MARCO BALIANI
DAL 15 AL 28 GIUGNO
PIAZZALE DEL TEATRO DELLE MUSE DI ANCONA
PETRA VALENTINI, MICHELE MACCARONI, ELEONORA GRECO, GIACOMO LILLIÙ
SONO GLI ATTORI RINCHIUSI IN GRANDI TECHE TRASPARENTI

Lunedì 15 giugno, giorno fissato per il tanto atteso ritorno degli spettacoli, alle ore 21, il pubblico verrà accolto nel piazzale del Teatro delle Muse di Ancona con l’allestimento de L’attore nella casa di cristallo una produzione originale di Marche Teatro, testo e regia di Marco Baliani, da un’idea di Velia Papa, scenografia e luci Lucio Diana, costumi Stefania Cempini.

Ogni sera dal 15 al 28 giugno, due attori/attrici simbolicamente rinchiusi ciascuno dentro una grande teca trasparente, offriranno la propria arte al pubblico, in una performance che rappresenta perfettamente l’attuale condizione del mondo del teatro in cui artisti e pubblico devono rigorosamente mantenersi separati. Gli attori/prigionieri che si alterneranno nelle teche esposte al pubblico sono (in o.a.): Eleonora Greco, Giacomo Lilliù, Michele Maccaroni, Petra Valentini.

Lo spettacolo immagina un futuro distopico in cui il teatro è stato abolito per far spazio a più sani divertimenti “capaci di contribuire alla crescita del Prodotto Interno Lordo”. Gli attori vivono rinchiusi in case trasparenti ed esposti allo sguardo del pubblico. Agli attori, nella loro condizione di totale solitudine, non resta che ripetere ciò che ricordano del loro antico mestiere: brandelli di testo, passi di danza, brani di canzoni, per non perdere la memoria e per sperare di poter tornare presto al tempo in cui i teatri erano colmi e gli attori gratificati dagli applausi.

Il pubblico potrà assistere in numero limitato in ottemperanza alle vigenti prescrizioni, alla performance che sarà ripetuta due volte a sera; agli spettatori verrà consegnato un auricolare personale ed una radio ricevente per poter ascoltare le parole degli attori.

L’evento si inserisce nell’ambito del progetto Marche Crea finanziato dalla Regione Marche.

Prenotazione on line obbligatoria su geticket.it
Biglietto €9 incluso l’auricolare monouso che rimarrà allo spettatore.
Per informazioni info@marcheteatro.it
servizio telefonico biglietteria Teatro delle Muse 071 52525 dal lunedì al venerdì dalle 9.30 alle 13.30
il desk biglietteria in via della Loggia aprirà ogni sera un’ora prima delle recite.

29 mag. 2020 | MT SPAZIO on- line con Carlo Cecchi

MT SPAZIO ON LINE /
APPUNTAMENTO CON IL TEATRO

DOPPIO APPUNTAMENTO CON CARLO CECCHI E LUIGI PIRANDELLO
DUE PRODUZIONI DI MARCHE TEATRO
ON LINE PER UNA SETTIMANA
ENRICO IV DAL 5 GIUGNO ALLE ORE 19
E LO STORICO ALLESTIMENTO
DI SEI PERSONAGGI IN CERCA D’AUTORE DA SABATO 6 GIUGNO ALLE ORE 19

Prosegue la programmazione di MT SPAZIO ON LINE/ Appuntamento con il Teatro.

Carlo Cecchi e Luigi Pirandello per due allestimenti memorabili.

Il primo appuntamento è venerdì 5 giugno alle ore 19, con Enrico IV mentre sabato 6 giugno va on line lo storico allestimento di Sei personaggi in cerca d’autore. I due spettacoli saranno visibili fino a sabato 13 giugno, poi scompariranno.

Entrando nel sito www.marcheteatro.it alla pagina MT SPAZIO ON LINE  www.marcheteatro.it/mt-spazio-on-line/ legate alla visione degli spettacoli di Cecchi sarà possibile scorrere estratti dalle rassegne stampa, foto di scena, leggere ed ascoltare alcune curiosità.

Ricordiamo che l’artista Carlo Cecchi lavora con Marche Teatro dal 2002 dove ha trovato una casa proprio a partire dall’allestimento dei Sei personaggi in cerca d’autore. Con Marche Teatro ha realizzato Sei personaggi in cerca d’autore di Luigi Pirandello, Tartufo di Molière, Claus Peymann compra un paio di pantaloni e viene e mangiare con me di Thomas Bernhard / Sik Sik l’artefice magico di Eduardo De Filippo, Sogno di una notte d’estate di William Shakespeare, il dittico Troppo sbronzo da dire ti amo? di Caryl Churchill e Prodotto di Mark Ravenhill, La dodicesima notte di William Shakespeare, Enrico IV di Luigi Pirandello e la prossima stagione girerà con il dittico Dolore sotto chiave e Sik Sik L’artefice Magico di Eduardo De Filippo.

Si parte quindi venerdì 5 giugno alle ore 19 con Enrico IV.

Carlo Cecchi ha portato in scena nei teatri italiani Enrico IV nel 150°anniversario della nascita dell’autore e per tutta la successiva Stagione (stagioni 2017/8 e 2018/19). Enrico IV è una pietra miliare del teatro pirandelliano e della sua intera poetica. L’opera porta in scena i grandi temi della maschera, dell’identità, della follia e del rapporto tra finzione e realtà. Lo spettacolo narra la vicenda di un uomo, un nobile dei primi del Novecento, che da vent’anni vive chiuso in casa vestendo i panni dell’imperatore Enrico IV di Germania (vissuto nell’XI secolo), prima per vera pazzia, poi per simulazione ed infine per drammatica costrizione.

Enrico IV di Luigi Pirandello, adattamento e regia Carlo Cecchi, scene Sergio Tramonti, costumi Nanà Cecchi, luci Camilla Piccioni; personaggi e interpreti… (Enrico IV) Carlo Cecchi, La Marchesa Matilde Spina Angelica Ippolito, sua figlia Frida Chiara Mancuso, Il Marchese Carlo Di Nolli Remo Stella, Il Barone Tito Belcredi Roberto Trifirò, Il Dottor Dionisio Genoni Gigio Morra, Landolfo (Lolo), finto consigliere segreto Federico Brugnone, Arialdo (Franco), finto consigliere segreto Matteo Lai, Ordulfo (Momo), finto consigliere segreto / fraticello Dario Iubatti, Bertoldo (Fino), finto consigliere segreto Davide Giordano, produzione Marche Teatro.

Dalle note di regia di Carlo Cecchi_“Enrico IV” fu scritto per Ruggero Ruggeri, il “Grande Attore” del primo Novecento. Dopo di lui, molti altri Grandi Attori si sono “cimentati” con questo monumento alla Grandattorialità.

Prima di tutto ho ridotto drasticamente molte delle lunghissime battute del Grande Attore; conseguentemente gli altri personaggi acquistano un rilievo che spesso, soverchiati dal peso delle battute del protagonista, rischiano di perdere.

In alcuni dialoghi ho “tradotto” la lingua dell’originale in una lingua teatrale a noi più vicina.

E ho fatto della follia e della recita della follia di Enrico IV, che nell’originale ha una causa clinica un po’ banale, una decisione dettata da una sorta di vocazione teatrale: non per nulla, il teatro, il teatro nel teatro e il teatro del teatro, sono il vero tema di questo spettacolo_.

L’altro titolo è il capolavoro di Pirandello con la regia di Cecchi Sei personaggi in cerca d’autore, lo spettacolo sarà on line da sabato 6 giugno sempre alle ore 19.

“Sei personaggi in cerca d’autore” di Luigi Pirandello con la regia di Carlo Cecchi è stato in scena per quattro lunghe stagioni dal 2002 al 2006. Uno spettacolo che ha raggiunto numeri straordinari: più di 280.000 spettatori, toccando 77 città, per più di 295 recite; la stampa nazionale gli ha dedicato 496 pezzi e 57 servizi tv. Tra le città toccate anche Berlino, dove ha rappresentato l’Italia al Berliner Ensemble, il teatro fondato da Bertold Brecht nelle due sere in scena, sono stati contati 11 minuti di applausi e 12 uscite per i saluti. E a chiusura del quarto anno di tournée ha toccato Parigi all’Athènèe/ Theatre Louis Jouvet. In Italia lo spettacolo ha solcato i più bei palcoscenici, toccando per tre anni di seguito Roma di cui, due stagioni di seguito al Valle, prestigioso teatro dove Pirandello debuttò con i Sei personaggi nel 1921.

Il terzo anno di tournée a cui fa riferimento la ripresa video, vedremo in scena: Carlo Cecchi (Il regista), Paolo Graziosi (Il padre), Sabina Vannucchi (La madre), Antonia Truppo (la figliastra), Francesco Ferrieri (Il figlio), Joana Pupo (Il giovinetto), Angelica Ippolito (Madama Pace), Riccardo Lupo (Assistente del regista), Alessandro Baldinotti, Paolo Mannina, Rino Marino, Nadia Santos, Stefano Tosoni (Gli attori). Le scene e costumi sono di Titina Maselli, le luci di Paolo Manti,  produzione Marche Teatro in collaborazione con Amat, Comune di Urbino Progetto per il 150° del Teatro Sanzio di Urbino e Teatro Mercadante Stabile di Napoli.

Quando debuttò a Roma, proprio al Teatro Valle, nel 1921, Sei personaggi in cerca d’autore suscitò reazioni contrastanti tra il pubblico, diviso tra ammirazione e sdegno per l’opera ed il suo autore, Luigi Pirandello, voce critica e autorevole della crisi europea culturale e sociale del secondo Ottocento. Tuttavia, diffusa era la sensazione di aver assistito ad uno spettacolo innovativo, destinato a rivoluzionare la scena italiana del Novecento.

A questo spettacolo con la regia di Carlo Cecchi sono state dedicate 5 tesi di laurea. Cecchi ha ricevuto il premio Maschera d’oro come miglior interprete. Agli Oscar italiani del teatro, gli Olimpici, consegnati a Vicenza il 30 settembre 2005, lo spettacolo ha vinto con l’attore Paolo Graziosi il premio come miglior attore e Antonia Truppo come miglior attrice esordiente.

Rispetto al progetto MT SPAZIO on line il direttore di MARCHE TEATRO Velia Papa ha dichiarato_“Vogliamo condividere con gli spettatori la visione in rete di alcuni spettacoli per un tempo effimero, come avviene in teatro. Saranno visibili per una o più serate e poi scompariranno per restare impressi solo nella nostra memoria. Solo in alcuni casi resteranno visibili per un tempo più lungo. Il teatro è accadimento dal vivo e, se si traduce in immagini video, diventa inevitabilmente qualcos’altro: il più delle volte documento in altre, più rare, cinema. Tra gli appuntamenti ci saranno spettacoli già presentati dal vivo nei nostri spazi o novità inedite. Non un archivio di registrazioni video più o meno accurate, quindi, ma un vero e proprio appuntamento con il teatro,  da segnare in agenda e da non perdere.

12 mag. 2020 | MT SPAZIO on-line, altri due appuntamenti

MT SPAZIO ON LINE/
APPUNTAMENTO CON IL TEATRO

MERCOLEDI 13 MAGGIO ALLE ORE 19
ALBERT VIDAL ARTISTA CATALANO DI FAMA INTERNAZIONALE
PRESENTA FRAMMENTI DAL III CANTO DELL’INFERNO DELLA DIVINA COMMEDIA
VENERDI 15 MAGGIO ALLE 11
LA COMPAGNIA INGLESE IMITATING THE DOG PRESENTA HEART OF DARKNESS TRATTO  DA CUORE DI TENEBRA DI JOSEPH CONRAD

ALBERT VIDAL E PETE BROOKS DELLA COMPAGNIA IMITATING THE DOG HANNO VOLUTO SALUTARE IL PUBBLICO DI ANCONA CON UN LORO INTERVENTO

Prosegue la programmazione di MT SPAZIO ON LINE/ Appuntamento con il Teatro.

Il nuovo appuntamento è mercoledì 13 maggio alle ore 19, con un frammento   del Canto III della Divina Commedia, introdotto dallo stesso Albert Vidal  un contributo video inedito, dedicato al pubblico,  in cui l’artista catalano illustra la sua originale interpretazione.

Albert Vidal, artista e performer catalano è considerato uno dei grandi Maestri europei nell’arte della voce e del movimento. Attore di teatro e cinema, ha creato più di 65 opere teatrali e performative che sono state presentate in tutti i grandi Festival internazionali.  Il suo lavoro attinge a Jacques Lecoq, Dario Fo, Kazuo Ohno, ma, nel corso della sua carriera l’artista ha anche approfondito, con un originale approccio antropologico, l’arte antica del canto Sufi, Mongolo e Tellurico oltre alla tradizione delle danze  Topeng a Bali e  le danze di possessione Bori in Niger.

Questo grande artista poliedrico e  geniale è stato ospite del Festival Internazionale di Polverigi  in più occasioni con performance straordinarie : Aperitivo (1980)  che lo fece conoscere a livello internazionale. Danza per un momento di solitudine (1981),  El hombre urbano parco antropologico (1984) e Monje del caos (1994).

Albert Vidal ha ricevuto innumerevoli premi e riconoscimenti, tra cui, nel  2018 il Premio Nazionale della Cultura assegnatogli dallo spagnolo  Consiglio Nazionale della Cultura e delle Arti.

Venerdì 15 maggio dalle ore 11 è possibile vedere  on line Heart of darkness (Cuore di tenebra), l’audace allestimento del classico di Joseph Conrad, portato in scena dalla compagnia inglese imitating the dog, nota per saper fondere con maestria diverse discipline: performing arts, cinema, arti visive, suono e graphic novel. Lo spettacolo, riduzione e regia di Andrew Quick e Pete Brooks, video Simon Wainwright, scene e costumi Laura Hopkins, luci Andrew Crofts, musica Jeremy Peyton Jones; in scena vedremo: Laura Atherton, Morgan Bailey, Keicha Greenidge, Morven Macbeth, Matt Prendergast.

Lo spettacolo è stato co-prodotto da MARCHE TEATRO ed  ha debutto al Teatro Sperimentale di Ancona il 10 e 11 novembre 2018. Lo spettacolo è stato coprodotto oltre che da Marche Teatro da: Lancaster Arts at Lancaster University e Theatre by the Lake da  con il supporto di Arts Council England.

Lo spettacolo è presentato, on line, in lingua originale.

Heart od Darkness è introdotto da un contributo video del regista Pete Brooks, già visibile.

Inoltre sarà possibile partecipare ad un incontro con la compagnia il 15 maggio alle 15.30.

L’invito a collegarsi è già segnalato nello spazio dedicato.

Questo nuovo adattamento teatrale, scritto e diretto da Andrew Quick e Pete Brooks, riprende l’originalità narrativa di Conrad, il suo linguaggio, i temi e i personaggi e li intreccia con i lavori che si sono ispirati ad esso, ricollocando il cuore di tenebra in un Europa senza tempo e abbandonata. Questa versione capovolge le nostre aspettative: al centro della vicenda la protagonista è una donna di colore che parte alla ricerca del nostro moderno Kurtz.

Spesso considerato come il primo romanzo moderno, Cuore di tenebra ha ispirato numerosi adattamenti, il più famoso è senz’altro Apocalypse Now di Francis Ford Coppola ma ha anche influenzato altri generi incluso l’occhio dell’investigatore privato Philip Marlowe di Raymond Chandler.

Con la Compagnia imitating the dog MARCHE TEATRO ha già prodotto e sostenuto A farewell to arms, The Train, Tempesta in paradiso.

Rispetto al progetto MT SPAZIO on line il direttore di MARCHE TEATRO Velia Papa ha dichiarato_“Vogliamo condividere con gli spettatori la visione in rete di alcuni spettacoli per un tempo effimero, come avviene in teatro. Saranno visibili per una o più serate e poi scompariranno per restare impressi solo nella nostra memoria. Solo in alcuni casi resteranno visibili per un tempo più lungo. Il teatro è accadimento dal vivo e, se si traduce in immagini video, diventa inevitabilmente qualcos’altro: il più delle volte documento in altre, più rare, cinema. Gli appuntamenti saranno introdotti da uno speciale messaggio video, da parte degli artisti, dedicato al nostro pubblico.”  Tra gli appuntamenti ci saranno spettacoli già presentati dal vivo nei nostri spazi o novità inedite. Non un archivio di registrazioni video più o meno accurate, quindi, ma un vero e proprio appuntamento con il teatro,  da segnare in agenda e da non perdere.

Entrando nel sito www.marcheteatro.it alla pagina MT SPAZIO ON LINE https://www.marcheteatro.it/mt-spazio-on-line/ sarà possibile ascoltare i messaggi degli artisti coinvolti negli appuntamenti che andranno a formare nel tempo un mosaico di testimonianze artistiche.

8 mag. 2020 | Paragoghè, 23 maggio 2020 alle ore 22.40 su RAI 5

IL 23 MAGGIO ALLE ORE 22.40
SU RAI5
ANDRÁ IN ONDA
IL DOCUMENTARIO GIRATO DA  ANGELO LOY
SULLO  SPETTACOLO
PARAGOGHÉ
SCRITTO E DIRETTO DA MARCO BALIANI

L’APPUNTAMENTO
CADE
AD UN ANNO DI DISTANZA DALLO SPETTACOLO-EVENTO PRODOTTO DA MARCHE TEATRO
ANDATO IN SCENA ALL’INTERNO DEL TRIBUNALE DI ANCONA
IN OCCASIONE DEI 25 ANNI DALLA STRAGE DI CAPACI

Paragoghè, 23 maggio 2020 alle ore 22.40 su RAI 5.  Trailer: https://vimeo.com/413602561.

Paragoghè è un termine greco che oggi potremmo tradurre come “sviamento”. Una parola antica scelta per  rappresentare alcuni gravi  accadimenti italiani avvenuti fra  il 1980 e il 1994.

Paragoghè è anche il titolo dello spettacolo teatrale (produzione di Marche Teatro, regia di Marco Baliani) rappresentato all’interno del Tribunale di Ancona la sera del 23 maggio 2019 (con repliche il 24 e 25 maggio), anniversario della strage di Capaci. Nella corte di un Tribunale, per la prima volta in Italia, è stato allestito uno spazio scenico con una platea di circa 300 posti. L’operazione, unica nel suo genere, è stata curata di Marche Teatro_Teatro di Rilevante Interesse Culturale.

A un anno di distanza il film (regia di Angelo Loy) che documenta quell’evento verrà trasmesso da RAI5.

Così le parole del Presidente del Tribunale di Ancona Giovanni Spinosa “il film ricorda la sfida di chi ha voluto denunciare, all’interno di un Palazzo di Giustizia, i tragici errori, con cui, proprio in analoghi palazzi, veniva negato al popolo italiano il diritto alla sua storia”.

Velia Papa direttore di Marche Teatro dichiara: “Con Angelo Loy e Marco Baliani abbiamo pensato di riprendere lo spettacolo, dall’inizio delle prove fino all’emozionante debutto, per realizzare un documento che potesse testimoniare l’eccezionale evento teatrale allestito all’interno del Tribunale di Ancona in occasione  di  un anniversario così importante come i 25 anni dalla strage di Capaci. L’interessamento di Rai5 e la messa in onda proprio il 23 maggio 2020, ci fa molto piacere perché testimonia la piena riuscita del progetto.”

I crediti dello  spettacolo: testo e regia di Marco Baliani, drammaturgia di Maria Maglietta, musiche di Mirto Baliani, spazio e luci Lucio Diana, costumi Stefania Cempini, come protagonisti sedici giovani attori marchigiani: Valentina Angelini, Silvia Bertini, Francesco Brunori, Caterina del Giudice, Gianni Giampechini, Eleonora Greco, Carmine Iannaccone, Giacomo Lilliù, Michele Maccaroni, Ludovica Mancini, Nicolò Matricardi, Edoardo Olivucci Vitangeli, Elisa Pesco, Chiara Santarelli, Elena Tonelli, Arianna Vercelli. La produzione è di Marche Teatro.

Dal testo di “Paragoghè”, scritto da Marco Baliani: –Il fango dei depistatori si deposita sugli occhi, rende ammalati gli sguardi, sporca, insudicia, oscura le speranze di una parola giusta

Scrive Marco Baliani nelle sue note di regia: “Questa volta lo spazio del teatro eccezionalmente coincide con un luogo altrettanto “sacro”, un tribunale di giustizia. Entrambi questi luoghi mettono in scena conflitti. Il teatro interrogandosi sugli esseri che li agiscono, il tribunale dipanando, o cercando di dipanare, colpe e responsabilità. Nello spazio interno al tribunale di Ancona, una grande agorà, sedici  tra attori e attrici racconteranno quanta determinazione, fatica, dolori e perdite, ma anche soddisfazioni e vittorie sia costata nel tempo l’incessante ricerca, ancor oggi non terminata, della verità sulle tante stragi compiute nel nostro paese. Lo spettacolo sarà un arazzo composito dove più vicende si intrecciano e più linguaggi si mescolano in un flusso comunicativo, senza mai offrire un unico discorso lineare, ma multiformi punti di coagulo del senso, cercando così di cogliere la complessità degli avvenimenti storici di un passato prossimo su cui è indispensabile riflettere per il nostro presente.

Il documentario:

PARAGOGHE’ – DEPISTAGGIO (ITA, 2020, 60′), regia e montaggio Angelo Loy

fotografia Alessandra Stabile, Fabrizio Barraco, Angelo Loy, musica Mirto Baliani, produzione Marche Teatro e El Shoubrawi, in collaborazione con RAI5.

Ha dichiarato Angelo Loy: “ Ho scelto di raccontare l’unicità di questo percorso_ _attraverso lo sguardo e la presa di coscienza di ragazzi anagraficamente lontani da quei fatti, soffermandomi sulle loro emozioni, cercando di offrire suggestioni piuttosto che informazioni. Sgomenti interrogativi in un racconto che affronta un lato oscuro e rimosso della nostra storia”.

Angelo Loy dirige documentari a tema sociale. Ha lavorato a lungometraggi documentari girati in Africa sub-sahariana (Pinocchio Nero, 2005, Sillabario Africano, 2006, Tropico del Caos, 2019), e sempre in Africa collaborando con Presa Diretta di RAI3 sui temi della salute e del terrorismo. In Italia nei suoi documentari si è occupato di scuola e immigrazione (Una Scuola Italiana, 2010, Luoghi Comuni, 2015).

Il documentario sarà disponibile dopo la messa in onda per una settimana su Raiplay.

All’interno della pagina MT SPAZIO on-line il documentario Paragoghè sarà uno degli appuntamenti con il teatro dematerializzato, che potrete fruire con contributi inediti. https://www.marcheteatro.it/mt-spazio-on-line/

6 mag. 2020 | Marche Teatro lancia MT SPAZIO on-line

APPUNTAMENTO CON IL TEATRO

NON UN SEMPLICE ARCHIVIO DI REGISTRAZIONI VIDEO
MA UN VERO E PROPRIO APPUNTAMENTO CON EVENTI TEATRALI PROGRAMMATI
CORREDATI DA CONTRIBUTI INEDITI

Dopo il successo dei Consulti Poetici MARCHE TEATRO mette in cantiere un’altra iniziativa.

Parte MT SPAZIO ON LINE/ Appuntamento con il Teatro.

“Vogliamo condividere con gli spettatori la visione in rete di alcuni spettacoli _ ha dichiarato il direttore di Marche Teatro Velia Papa_ per un tempo effimero, come avviene in teatro. Saranno visibili per  una o più serate e poi scompariranno per restare impressi solo nella nostra memoria. Solo in alcuni casi resteranno visibili per un tempo più lungo. Il teatro è accadimento dal vivo e, se si traduce in immagini video, diventa inevitabilmente qualcos’altro: il più delle volte documento in altre, più rare, cinema. Gli appuntamenti saranno introdotti da uno speciale messaggio video, da parte degli artisti, dedicato al nostro pubblico.”

Tra gli appuntamenti ci saranno spettacoli già presentati dal vivo nei nostri spazi o novità inedite.

Non un archivio di registrazioni video più o meno accurate, quindi, ma un vero e proprio appuntamento con il teatro,  da segnare in agenda e da non perdere.

Il primo appuntamento è per giovedì 7 maggio alle ore 19 con BORDER TALES di Luca Silvestrini. 

Lo spettacolo sarà visibile gratuitamente dal 7 maggio alle ore 19 fino all’8 maggio alla stessa ora. Entrando nel sito www.marcheteatro.it alla pagina MT SPAZIO ON LINE sarà possibile ascoltare il messaggio video di Luca Silvestrini prima di collegarsi al sito https://www.theplace.org.uk/place-online-protein.

In Border Tales la straordinaria compagnia inglese Protein diretta da Luca Silvestrini guarda alla realtà britannica post-Brexit attraverso gli occhi di un cast internazionale e multiculturale che, con ironia e sguardo satirico, affronta il pensiero stereotipato, insito nella collettività, del migrante-outsider in contrapposizione al cittadino-bigotto. Lo spettacolo Border Tales è stato ospitato al Teatro delle Muse il 24 novembre 2017.  Luca Silvestrini nato a Jesi vive da più di venticinque anni a Londra dove ha fondato e dirige con successo i Protein. Quest’anno la Compagnia compie 21 anni. MT ha prodotto nel 2018 di Luca Silvestrini, con grande successo, la versione italiana dello spettacolo FOOD Può contenere tracce di … e ad ottobre 2020 speriamo possa tornare alle Muse con lo spettacolo The Little Prince_ Il Piccolo Principe.

metti un like alle nostre pagine social e seguici @marcheteatro

facebook instagram twitter

#marcheteatro #mt #mtathome #noiciciamo #mtspazioonline #noisiamoilnostropubblico #ilteatroaltempodicovid19

Ti ricordiamo che per essere informato sulle attività di MT e ricevere la nostra INFOfanzine ti puoi iscrivere alla newsletter e puoi aderire al servizio INFOwhatsappMT inviando un messaggio al numero 3498218072.

22 apr. 2020 | Consulti poetici, grande successo

STRAORDINARIO SUCCESSO DEI CONSULTI POETICI TELEFONICI PERSONALIZZATI
IL PROGETTO PROSEGUE FINO AL 4 MAGGIO
PRENOTAZIONI ANCHE DA FRANCIA, IRLANDA E PORTOGALLO

Proseguono con successo i Consulti Poetici telefonici di MARCHE TEATRO. In veste di Medici-Poeti gli attori di MT offrono, a chiunque lo richieda, un Consulto Poetico, al telefono, somministrando ricette a base di testi di grandi autori.

L’iniziativa ha visto l’adesione, solo nei primi tre giorni, di quasi 200 utenti con prenotazioni anche da Francia, Irlanda e Portogallo oltre che da tutta Italia. Numerosi sono i messaggi di apprezzamento  ricevuti dagli utenti, invitati anche a segnalare le proprie ricette di automedicazione poetica.

Tra i commenti del pubblico:
“…. quando si dice che la clinica è un’arte…grazie ancora”;
“Questa è l’iniziativa più necessaria di questo periodo, fa bene al cuore…”
Ho trovato la vostra iniziativa davvero stupenda ed ho pensato di partecipare “regalando” un consulto poetico ad una mia amica” 
” Geniale!
”   complimenti per la bellissima iniziativa!! “
“Iniziativa pensata e intelligente”
” un momento diverso dalla solita routine che ha alleggerito quest’aria pesante che si respira ultimamente”
” Le parole sono potenti, … la miglior cura per l’Anima…..” .

Consulti poetici è un’iniziativa che vuole portare l’essenza del teatro agli spettatori, in un rapporto privilegiato, uno a uno. – ha dichiarato il direttore di Marche Teatro Velia Papa – Del teatro e della sua componente essenziale, l’attore, abbiamo isolato i due elementi portanti: la parola e la voce. Niente riproduzione digitale, niente video, dove i volti e i corpi perdono la loro consistenza fisica nell’immagine appiattita dello schermo. Ci siamo, invece, affidati al telefono. Uno strumento arcaico paragonato alle odierne tecnologie digitali. La poesia ha un grande potere evocativo e come il teatro può scatenare la nostra immaginazione che può avere una reale funzione terapeutica,  continua Velia Papa. Certo la dimensione “curativa” è solo una chiave di lettura del progetto. Perché, è evidente già nel titolo, che non ci vogliamo prendere troppo sul serio. I nostri Medici-Poeti, del resto, sono dichiaratamente attori e i Consulti sono una forma di teatro situazionista.

Gli attori portano la parola  di grandi della letteratura e della poesia stabilendo un contatto personale con l’utente che richiede il Consulto. Su misura per ogni persona, in base al suo stato d’animo,  il Medico-Poeta troverà la giusta parola poetica scegliendo il «rimedio» tra un centinaio di testi diversi tra cui opere di: Anna Andreevna Achmatova, Charles Baudelaire, Jacques Brel, Italo Calvino, Dino Campana, Guido Ceronetti, Emily Dickinson, Nazim Hikmet, Guido Gozzano, Giacomo Leopardi, Alda Merini, Eugenio Montale, Elsa Morante, Cesare Pavese, Fernando Pessoa, Antonio Tabucchi e tanti altri tra cui anche un racconto breve inedito di Marco Baliani.

I Consulti Poetici, è un  progetto, nato dall’idea dello scrittore/attore francese, Fabrice Melquiot, I Consulti sono già stati sperimentati, con grandissimo successo, al Théâtre de la Ville di Parigi, dove sono, tuttora, in corso.

Per usufruire di questo originale  pronto intervento poetico basta prenotare il consulto telefonico compilando il formulario pubblicato sul sito di Marche Teatro www.marcheteatro.it.

Il servizio è attivo tutti i giorni dalle ore 11 alle ore 18.

Una mail di risposta  confermerà ora e data della telefonata poetica richiesta. Dieci minuti di leggerezza, di piacere dell’ascolto, di potere della parola poetica. Un modo, in questo tempo sospeso, di sentirsi ancora in scena a contatto con il pubblico. https://www.marcheteatro.it/consulti-poetici/

26 feb. 2020 | Rinviati gli spettacoli di Teatro, Danza e Teatro Ragazzi fino al 4 marzo

STAGIONE DI DANZA
IL PICCOLO PRINCIPE ALLE MUSE POSTICIPATO AD OTTOBRE

LA DATA DEL 4 MARZO DELLO SPETTACOLO LA CLASSE
VIENE SPOSTATA A SABATO 7 ALLE ORE 16.30

STAGIONE DI TEATRO RAGAZZI
RIMANDATI I MATINÉE CON LE SCUOLE, GLI SPETTACOLI E LABORATORI

In ottemperanza all’emergenza sanitaria per evitare il diffondersi del COVID-19 e alle relative disposizioni regionali e ministeriali i teatri di Ancona resteranno chiusi dal 26 febbraio al 4 marzo compreso.

Lo spettacolo The Little Prince_Il Piccolo Principe (Stagione di Danza) previsto sabato 29 febbraio 2020 e domenica 1 marzo 2020 è stato posticipato a giovedì 29 e venerdì 30 ottobre 2020 alle ore 20.45.

Tutti coloro che hanno acquistato i biglietti e non potranno essere presenti nelle nuove date indicate di ottobre possono chiedere:

1) La trasformazione dell’ importo dei biglietti acquistati in un buono da spendere in altri eventi organizzati da Marche teatro

2)  Il rimborso da effettuare entro e non oltre il 14 marzo 2020 mandando una mail a biglietteria@teatrodellemuse.org dove indicare: nome e cognome dell’acquirente – importo biglietti – scansione /foto biglietto acquistato – iban dove effettuare il rimborso oppure presentarsi in biglietteria munito del/dei biglietti negli orari di apertura

Si avvisa il gentile pubblico che la biglietteria resterà chiusa al pubblico da giovedì 27 febbraio 2020 sino a mercoledì 4 marzo 2020 ma resterà attivo il servizio telefonico al numero 071 52525 e la mail biglietteria@teatrodellemuse.org dal martedì al sabato dalle 9.30 alle 13.30.

Per lo spettacolo La Classe previsto al Teatro Sperimentale dal 4 al 8 marzo all’interno della Stagione Teatrale. La recita di mercoledì 4 marzo sarà posticipata a sabato 7 marzo alle ore 16.30.

Lo spettacolo della Stagione di Teatro Ragazzi a cura del Teatro del Canguro In punta di piedi previsto il 29 febbraio e 1 marzo al Teatrino del Piano è rimandato in data da definirsi.

ELENCO SPETTACOLI ANNULLATI IN CONSEGUENZA DELL’ORDINANZA MINISTERIALE CHE VIETA LE USCITE DIDATTICHE PER LE SCUOLE E DI QUELLA REGIONALE CHE IMPONE LA CHIUSURA DELLE SCUOLE E DEI LOCALI PUBBLICI DAL 26/02 AL 4/02

Saltano nella settimana dal 26 febbraio al 4 marzo i seguenti spettacoli previsti per le scuole.

GIOVEDÌ 27 FEBBRAIO 2020 – Il diario di un brutto anatroccolo FACTORY – Teatro Sperimentale – ore 10 (PROBABILMENTE SARÀ RECUPERATO ENTRO DICEMBRE 2020)

GIOVEDÌ 27 FEBBRAIO 2020 – Il diario di un brutto anatroccolo FACTORY – Teatro Sperimentale – ore 10 (PROBABILMENTE SARÀ RECUPERATO ENTRO DICEMBRE 2020)

VENERDÌ 28 FEBBRAIO 2020 – In punta di piedi TEATRO DEL CANGURO/MARCHE TEATRO – Teatrino del Piano – ore 10

MARTEDÌ 3 MARZO 2020 – In punta di piedi TEATRO DEL CANGURO/MARCHE TEATRO – Teatrino del Piano – ore 10

MERCOLEDÌ 4 MARZO 2020 – In punta di piedi TEATRO DEL CANGURO/MARCHE TEATRO – Teatrino del Piano – ore 10

Saranno inoltre sospese nel periodo 27 febbraio fino al 4 marzo le attività laboratoriali, seminariali e didattiche previste al Teatrino del Piano.

Per tutte le informazioni ci si può rivolgere al numero di biglietteria del Teatro delle Muse 071 52525 dal martedì al sabato dalle 9.30 alle 13.30, alla mail biglietteria@teatrodellemuse.org e verificare le info sul sito di Marche Teatro.

17 feb. 2020 | “I soliti ignoti” alle Muse

STAGIONE TEATRALE 2019 20

DAL 20 AL 23 FEBBRAIO
IN SCENA AL TEATRO DELLE MUSE
I SOLITI IGNOTI
TRATTO DAL FILM DI MARIO MONICELLI
NEL CAST GIUSEPPE ZENO
REGIA DI VINICIO MARCHIONI

La Compagnia incontra il pubblico sabato 22 febbraio alle 18.30 al musecaffè

Dal 20 al 23 febbraio al Teatro delle Muse va in scena lo spettacolo I soliti ignoti, adattamento teatrale di Antonio Grosso e Pier Paolo Piciarelli, tratto dalla sceneggiautra di Mario Monicelli, Susi Cecchi D’Amico, Age&Scarpelli, con Vinicio Marchioni e Giuseppe Zeno e con Augusto Fornari, Salvatore Caruso, Vito Facciolla, Antonio Grosso, Ivano Schiavi, Marilena Anniballi, scene Luigi Ferrigno, costumi Milena Mancini, luci Giuseppe D’Alterio, musiche Pino Marino, regia Vinicio Marchioni produzione Gli Ipocriti Melina Balsamo.

La commedia è la prima versione teatrale del mitico film di Monicelli, uscito nel 1958 e diventato col tempo un classico imperdibile della cinematografia italiana e non solo.

Le gesta maldestre ed esilaranti di un gruppo di ladri improvvisati sbarca sulle scene rituffandoci nell’ Italia povera ma vitale del secondo dopoguerra. L’adattamento è fedele alla meravigliosa sceneggiatura di Age e Scarpelli senza rinunciare a trovate di scrittura e di regia per rendere moderna quell’epoca lontana.

Il cast si avvale di attori di primo piano cresciuti alla lezione di quei mostri sacri della recitazione che sono stati Gassman, Mastroianni, Totò e gli altri attori del film.

Uno spettacolo divertentissimo ed emozionante, assolutamente da non perdere.

La Compagnia incontra il pubblico sabato 22 febbraio alle ore 18.30 al musecaffè, conduce l’incontro la giornalista Lucilla Niccolini.

Dalle note di regia di Vinicio Marchioni: Ci sono dei film che segnano la nostra vita e I soliti Ignoti per me è uno di questi. Come uomo mi sono divertito e commosso di fronte alle peripezie di questo gruppo di scalcinati ladri. Come attore mi sono esaltato davanti alla naturalezza con cui recitano mostri sacri come Mastroianni e Gassman. Come regista ho amato il perfetto equilibrio con cui Monicelli rende un argomento drammatico in modo leggero. Così l’idea di curare l’adattamento teatrale del film mi ha immediatamente conquistato. È una storia bella e necessaria, che ci parla del presente immergendoci nel passato. La povertà del dopoguerra è una piaga che resiste ancora oggi, sebbene in altre forme, in tante zone d’Italia. Vorrei restituire sulla scena l’urgenza sentita dai personaggi di superare la miseria che li affligge, insieme alla vitalità indistruttibile e alla magia di un’Italia passata verso la quale proviamo nostalgia e tenerezza. Spero che gli spettatori possano uscire dal teatro con gli stessi sentimenti che provo io dopo una visione del film: divertiti, commossi e perdutamente innamorati di quei personaggi indimenticabili. Adattare un classico è sempre una sfida rischiosa e difficile. Ma sono le sfide che vale la pena vivere, insieme ai miei compagni di strada.      

Biglietteria Teatro delle Muse 071 52525 biglietteria@teatrodellemuse.org

Biglietti on line www.geticket.it